Cerca

Il retroscena

Napolitano scarica Bersani: ha già in mente il nuovo premier

Giorgio Napolitano

Giorgio Napolitano

Mentre Bersani si affanna cercando di ottenere i numeri per un suo governo, il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano lo ha di fatto già scaricato. Il capo dello Stato sa infatti, come riporta oggi il Corriere della Sera, che per il segretario del Pd ci vorrebbe un miracolo. Bersani può cercare di convincere qualche grillino a dargli il sostegno ma non sarà mai in grado di ottenere dal presidente una investitura con questi scarsi risultati. A questo punto quindi Napolitano potrebbe convocare una personalità - che avrebbe già individuato - e che ha queste caratteristiche: essere un politico con qualche esperienza istituzionale, essere conosciuto e apprezzato anche in Europa, essere anche un esperto di questioni economiche. Il presidente invierà il "prescelto" alle Camere a farsi votare la fiducia. Mettendo così la politica e il Pd di fronte alle sue responsabilità. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • colombinitullo

    28 Marzo 2013 - 08:08

    ti preghiamo fai un altro senatore a vita per DEMERITI e finisci di distruggere l'Italia. Sii geniale,come sempre!!!!!!!!!!!!!!

    Report

    Rispondi

  • seve

    28 Marzo 2013 - 06:06

    sono d'accordo con piero ostellino,nel 1948 si è deciso un armistizio che ha posto fine a una guerra civile che però ha continuato ideologicamente senza quartiere.Si è demonizzata l'iniziativa privata fonte di sfruttamento e di evasione.ha continuato imperterrita ,si è pensato di aggiungere unposto a tavola per i comunisti.Ruba te che rubo io siamo arrivati all'immenso ddebito pubblico.E' riscoppiata virulenta contro Craxi e poi contro il Berlusconi.Il Cancro si è diffuso in metastasi nelle Istituzioni,sempre da sottofondo un regime ladrocratico di destra e di sinistra ,si è ripalesata con contrapposizione politica canaglia paralizzante di ogni iniziativa ,oggi stiamo raccogliendo i frutti di anni e anni che di italiani non c'era nemmeno l'ombra solo sovietici e vaticanesi ,il rosso delle piazze e il giallo che nascondeva i coniglioni democristiani che dopo DE GASPERI erano solo bravi a stare agalla per lorostessi prima che per la patria ,concetto anche lui demonizzato come FASCISTA.

    Report

    Rispondi

  • Libero Di Rino (LDR)

    27 Marzo 2013 - 22:10

    Re Giorgio merita di essere elogiato per il retto comportamento che sta esercitando durante questo difficile momento economico-politico l'avvento dei relativi virus-grillini che stanno danneggiando i problemi seri degli italiani e che quel mendicante di Bersani li rivitalizza facendogli credere insostituibili per governare. Gli italiani vogliono politici onesti che si possano dedicare con passione a migliorare la nostra vita. Speriamo che non sia Prodi il prossimo sondaggista del Parlamento:

    Report

    Rispondi

  • vin43

    27 Marzo 2013 - 19:07

    E’ D’Alema!?!?!?!?!?!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog