Cerca

Consultazioni

Cinque Stelle al Quirinale "Niente nomi, no a governi politici o pseudo tecnici"

Roberta Lombardi e Vito Crimi

Roberta Lombardi e Vito Crimi

"No a governi politici, sostenuti da questi partiti, e no a governi pseudo-tecnici". I rappresentati del Movimento 5 Stelle Roberta Lombardi e Vito Crimi escono dalle consultazioni al Quirinale con il presidente Giorgio Napolitano e, ancora una volta, smentiscono quanto filtrato dalle agenzie stampa a metà pomeriggio, quando lo stesso capogruppo al Senato Crimi avrebbe detto di essere "aperto a nomi fuori dalla politica" per un governo "pseudo tecnico". "Mai detto, non ho niente da smentire. Semmai, ho detto l'esatto opposto, forse vi siete persi una parte di frase". Quel che è certo, assicura la capogruppo alla Camera Lombardi, è che i 5 Stelle non faranno nomi per Palazzo Chigi: "Quel che conta è il programma", ribadisce ai giornalisti. E Beppe Grillo, intervenuto alla webtv grillina La Cosa, conferma: "Non daremo mai la fiducia a questa classe politica che ci ha lasciato in queste macerie. A questi politici serve che un medico li prenda e li accompagni fuori con dolcezza, sussurrando loro Tranquillo, è finita, è finita".

Il rebus Palazzo Chigi - Ieri, stando a quanto si riferisce, Crimi è rimasto fino a tarda ora nell'ufficio assegnatogli al Senato, quello che fu di Pancho Pardi dell'Idv nella scorsa legislatura, attaccato al monitor del computer e al telefono con Grillo. E una telefonata c'è stata anche questa mattina, stavolta tra Grillo e il Capo dello Stato. Una "telefonata di cortesia" assicurano fonti parlamentari. Alla riunione grillina alla Camera hanno partecipato una sessantina di parlamentari: molti sono partiti per Pasqua anche se alcuni son dovuti tornare. Luigi Di Maio ha osservato: "Certo non siamo in ferie...". Mentre nel merito ha detto che "la linea è sempre la stessa" con il "no ad un governo dei partiti ma anche - ha sostenuto - ad un governo tecnico che sia messo dai politici". Le ultime indiscrezioni parlano di una possibile intesa su alcuni nomi che potrebbe aver fatto loro Napolitano. L'M5S sarebbe disposto a votare la fiducia ad un esecutivo guidato da Gustavo Zagrebelsky, o dal presidente della Corte Costituzionale Franco Gallo, o dall'ex garante per la Privacy Stefano Rododà. Assolutamente no ad Amato o Saccomanni.

Grillo attacca Parlamento, Quirinale e Province - Da parte sua Grillo insiste sul sul fronte dei tagli ai costi della politica e attacca Parlamento, Quirinale e Province. Obiettivo, sostenere le PMI che oggi per vivere, sottolinea dal suo blog, "devono misurarsi con i concorrenti europei per livello di burocrazia, di fiscalità, di servizi, di leggi a supporto dell’imprenditoria, ad esempio dell’inasprimento per il falso in bilancio e l’introduzione di efficaci norme anticorruzione". Invece, "dal 1990 vi è stato un raddoppio dei costi della politica di circa 20 miliardi, dovuto in massima parte alle amministrazioni centrali".  Ecco gli eseempi passati in rassegna da Grillo: "Il costo del Parlamento italiano - scrive - è il doppio di quello francese (confrontabile per numero di parlamentari: 920 > 945) e inglese: 1,6 miliardi contro lo 0,9 di Francia e 0,6 di Gran Bretagna".  "Il Quirinale - ribadisce - ha un bilancio di previsione per il 2013 di 349 milioni mentre l’Eliseo costa 112 milioni".  "Il finanziamento pubblico ai partiti - ricorda ancora - vale 100 milioni di euro all’anno, somma rinunciabile con una semplice lettera, come ha fatto il M5S per i 42 milioni che gli erano assegnati".   "Il taglio delle Province - sottolinea - farebbe risparmiare 2 miliardi annui. Vi sono poi i risparmi per le auto blu, circa 7.000, e delle 52.000 "auto grigie" senza autista e con minore cilindrata, con 19.000 addetti complessivi di cui 10.000 autisti per un risparmio di 800 milioni e altri minori". Il finale è una citazione di Lao Tse: "Un viaggio lungo mille chilometri inizia con un piccolo passo".

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ilrancero

    02 Aprile 2013 - 17:05

    mi sembra di vedere la stessa cosa del PDL uno parla e poi il berlusca lo annulla cosi il povero crimi parla e grillo lo annulla grillini avete buttato il voto nel cesso

    Report

    Rispondi

  • Frenki

    29 Marzo 2013 - 18:06

    Potevano con il PD eliminare il Berlusca con il conflitto d'interessi. Ora si attaccano al tram, con l'impresentabile che se la gode, IMPUNITO, e dittatore del primo partito con i suoi schiavi.

    Report

    Rispondi

  • contravento

    29 Marzo 2013 - 18:06

    Grillo, va bene così. Tieni duro: prima o poi questi testardi andranno via.

    Report

    Rispondi

  • VincenzoAliasIlContadino

    29 Marzo 2013 - 15:03

    Grillo merita un grande Vaffa che da leader del 30% pretende tutto il Parlamento? Ma chi ca** crede di essere il Dottor Parnassus o non sa che il Web, se maltrattato dalla sua Dittatura irriverente lo trascinerà in cloaca luogo per lui più congeniale? Io credo che, sia rimasto Comunista, ma non mi spiego come mai, seppure, con stesso linguaggio masochista, scurrile Kompagnuzzo tra loro, ovvero, Beraniosky e “ Re Giorgio Marx I “ non si capiscono, anche proveniente dallo stesso Dna di Marx, lo sfaticato e mantenuto. Comodo, essere tranquilli e non doverosi con chi li ha votati e fatti diventare “ Onorevoli presentabili ”che comunque vada, il loro presente e futuro. sarà decisamente roseo? L'affaire disarcionamento di Napolitano contro il Cav sostituendolo con l'uomo dei Monti,>Segue>

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog