Cerca

Scheletri nell'armadio

Quella volta che Casaleggio sosteneva un sindaco ex Forza Italia (e prese sei voti)

E' il 2004 e a Settimo Vittone si vota per le amministrative. Il guro è della partita e vuole un posto in lista. Glielo offre il candidato sindaco, calabrese e berlusconiano

Gianroberto Casaleggio

Gianroberto Casaleggio

C'è stato un tempo in cui di lui si sapeva qualcosa. Il suo nome, Gianroberto Casaleggio, compariva anche nella scheda elettorale. E' il 2004 a Settimo Vittone, in provincia di Torino è tempo di elezioni amministrative. Casaleggio è della partita e secondo quanto riporta Panorama, il guru a Cinque Stelle tenta la scalata in consiglio comunale. Si candida per una poltroncina nella piccola casta. La lista si chiama "Per Settimo". Il simbolo del partito è un ponte sotto il quale scorre un fiume. Casaleggio però con la vecchia politica non ci sa fare. I suoi comizi saranno stati peggiori di una dose di morfina. Così alle urne raccoglie solo 6 preferenze sulle 294 che si becca la sua lista. 

Batosta elettorale - Il candidato sindaco della lista di Casaleggio è un certo Vito Groccia. Il candidato alla poltrona di primo cittadino, è secondo Panorama un uomo calabrese vicino a Forza Italia. Groccia nato a Cosenza nel 1938 è scomparso nel 2011. In quel giro elettorale Groccia riuscì ad entrare in consiglio comunale e rimase in carica fino al 2009. Casaleggio invece con quei 6 miseri voti fu costretto ad inventarsi un blog, un comico, e una teoria sulla fine del mondo. Comincia da una batosta elettorale la carriera di guru del Casaleggio 2.0. Ma di candidarsi non vuole più saperne. Con quel risultato così impietoso ha fatto bene a scegliere le retrovie. Altrimenti per i Cinque Stelle la sconfitta era assicurata. (I.S.)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Marlow

    30 Marzo 2013 - 20:08

    Nuovi o vecchi i politici non sarebbero davvero nesuno SE NOI POPOLO decidessimo, dall'oggi al domani a fronte delle loro palesi inettitudini, uniti come un sol uomo, di spazzarli via anzicchè lasciarci abbindolare dalle loro tendenziose promesse atte a giustificare i loro errori di cui essi incolpano sempre i loro oppositori, anzicchè ammettere la loro incapacità di affrontare i problemi e lottare, costi quel che costi loro, nell'interesse supremo del popolo stesso agendo nel pieno rispetto delle loro funzioni al governo o all'opposizione. Non conosco Casaleggio, se agisse in corrispondenza alle aspettative di cui ci parla attraverso Grillo, DIVERSO dai tanti parolai che ho avuto modo di valutare in oltre 50anni, potrei pensare ad una nuova reale speranza che renda, ALMENO QUI' gli uomini più liberi e la vita più giusta in un afflato di umanità da troppo trascurata e più volte davvero inesistente in una sempre più COLPEVOLE, proprio perchè vouta, disattenzione ALLA GENTE. Marlow

    Report

    Rispondi

  • mariano1963

    30 Marzo 2013 - 13:01

    I grillini mi fanno ricordare l'infanzia dei 3 anni quando masticavo "cicche" al limone. In parlamento potete vederli "in fila" che masticano con entusiasmo. Poi a 4 anni qualcuno mi hanno detto che non si mastica in pubblico.

    Report

    Rispondi

  • marcolelli3000

    29 Marzo 2013 - 18:06

    prima voleva campare candidandosi e ora campa sparando stupidaggini?

    Report

    Rispondi

  • Marcangelo45

    29 Marzo 2013 - 15:03

    è scappato da un firm di Harry Potter; stiamoci attenti !!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog