Cerca

Verso il verdetto

Consultazioni, Alfano: "Il Pd raccoglie ciò che ha seminato, dal Pdl fiducia in Napolitano"

Alfano dopo le parole di Letta: "Bersani non ha avuto a cuore gli interessi dell'Italia"

Consultazioni, Alfano: "Il Pd raccoglie ciò che ha seminato, dal Pdl fiducia in Napolitano"

"Ora il Pd raccoglie ciò che ha seminato. A questo punto, ci rimettiamo con fiducia alle valutazioni del Presidente Napolitano". Il segretario del Pdl Angelino Alfano accoglie così, con un pizzico di veleno, la "reda" del Partito democratico che per bocca del vicesegretario Enrico Letta ha detto sì al "governo del presidente" dicendo addio alla strada Bersani. L'ultimo giro di consultazioni in attesa del verdetto del Quirinale, che dovrebbe arrivare sabato mattina verso le 10, lascia comunque contrasti e polemiche tra centrodestra e centrosinistra.

Polemiche e veleni - "Il tentativo del Partito Democratico di scaricare su altri responsabilità che sono tutte e solo sue è una ulteriore prova della mancanza di visione e di sensibilità all'interesse nazionale di Bersani, del suo partito e dei suoi alleati - spiega, durissimo, Alfano in una nota ufficiale -. Mai e in nessun caso il Capo dello Stato, nei colloqui con noi, ha preso in considerazione e quindi neppure avanzato ipotesi di cosiddetti "governi del Presidente" o "istituzionali" o "tecnici", che avrebbero visto comunque la contrarietà non solo nostra, ma della enorme maggioranza degli italiani, dopo la fallimentare esperienza del governo Monti. A questo punto, la responsabilità ricade unicamente e storicamente sul Pd". L'apertura azzurra a un eventuale governo del presidente, dunque, è tutt'altro che certa, o perlomeno di buon grado.  "E' bene avere chiari tutti i passaggi di questa vicenda - prosegue Alfano -: dopo il sostanziale pareggio elettorale, il Pdl ha subito manifestato attenzione all'esigenza di garantire governabilità al Paese attraverso una grande intesa tra le forze maggiori, in primo luogo per corrispondere alla necessità di alleggerimento fiscale e di rilancio dell’economia che sale dal Paese. E' questo il cambiamento che l'Italia attende. A ciò il Pd ha risposto dicendo sempre e solo no; occupando tutte le cariche istituzionali; inseguendo ogni giustizialismo; facendosi umiliare dai grillini; rifiutando ogni analisi seria sulla drammaticità della situazione economica delle famiglie e delle imprese".

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • biemme

    31 Marzo 2013 - 18:06

    Non si può pretendere da Napolitano, vecchio comunista, di interpretare la democrazia del mondo occidentale al di fuori degli schemi stalinisti e leninisti che lo hanno formato in giovane età; ammesso che sia lui a pensare a tutte queste alchimie come governi di tecnici ed commissioni di saggi che ci distruggeranno completamente. L'Italia sostituirà la Iugoslavia, Bulgaria, Ungheria, Polonia ecc..ecc...forse più morti di fame, ma comunisti finalmente!

    Report

    Rispondi

  • kIOWA

    31 Marzo 2013 - 16:04

    allora?Non dirmi che sei ancora impegnato nel giochino della cruna dell'ago e del cammello?Da un analista del Tuo calibro mi aspetto molto di più!!!

    Report

    Rispondi

  • soleados

    30 Marzo 2013 - 14:02

    valerio5... gli IDIOTI del pdl non lo capiranno mai che Napolitano,lui si', pensa veramente al bene del paese. Il priapone ha fatto il lavaggio del cervello a questi IDIOTI.

    Report

    Rispondi

  • valerio5

    30 Marzo 2013 - 14:02

    bisogna darle in primis a chi ci ha portato qui, a questo ingorgo istituzionale, a chi negava la crisi e diceva che l'italia era il bengodi, a chi ha fatto questa porcata di legge elettorale e a chi non l'ha voluta cambiare. per fortuna che al colle risiede un COMUNISTA che non guiarda in faccia nessuno e si muove solo e soltanto per il bene del paese. non posso immaginare cosa sarebbe successo se al colle stava o gianni letta o il cinese in coma, che ancora oggi vuole il suo salvacondotto altro che il bene del paese, vuole solo il suo bene e del paese non gli frega un caxxo!!!! Grande Napolitanoo, un grande Presidente un grande COMUNISTA!!!!!!!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog