Cerca

Il commento

Giordano: Se anche Berlusconi rivaluta i politici di professione

I professori come Monti e Fornero hanno creato guai spaventosi e dopo di loro stiamo vedendo l'incapacità dei grillini. Meglio la cara, vecchia politica? Mah...

Giordano: Se anche Berlusconi rivaluta i politici di professione

 

di Mario Giordano

Come se Gandhi si appellasse alla bomba atomica, come se Bill Gates si rifugiasse nella penna d’oca, come se Totti si aggrappasse a una bandiera laziale: così abbiamo sentito Berlusconi dire che bisogna affidarsi alla politica. Cara, vecchia politica,  vituperata   politica, sporca politica, maledetta politica, demodé come un pantalone a zampa d’elefante, profumata d’antico come una stampa color seppia,  turpe idea da recuperare dell’antiquariato dei pensieri, reperto da rispolverare nell’archivio della memoria. Ma chi l’avrebbe detto che sarebbe toccato proprio a lui rivalutarla? Proprio al Cavaliere, l’uomo che scendendo in campo diede una spallata decisiva al polveroso castello della Prima Repubblica, il premier che frantumò il teatrino dei compromessi storici, mandò in cortocircuito il perverso mondo dei preamboli e delle convergenze parallele, ma sì: proprio lui adesso è lì a invocare la divinità della politica che scenda a portare un po’ di serietà in mezzo alla follia degenerata di troppi dilettanti allo sbaraglio.

Fino a questo punto si doveva arrivare? Fino a questo punto  ci doveva spingere l’approssimazione dei tecnici e la presunzione dei grillini? Fino a rimpiangere l’età d’oro dei vertici forlaniani, i caminetti democristiani, i congressi di partito, le lotte di correnti nelle segreterie intorbidite? Ci rifiutiamo di pensarlo. Ci rifiutiamo di arrivare fin lì. Però  certo che il nuovismo della società civile sta mostrando la corda: prima abbiamo avuto la stagione dei professori che non sapendo nulla di come si gestisce la politica hanno combinato più guai di Bertoldo, ora abbiamo la stagione dei grillini che pensano di  governare il Paese come se fosse un’assemblea liceale o una riunione di condominio.  E la domanda è legittima: a che serve aver buttato fuori i ladri dal palazzo, se quelli che sono arrivati al loro posto non rubano solo perché non sanno nemmeno dove metter le mani?



Leggi il commento integrale di Mario Giordano
su Libero in edicola oggi, sabato 30 marzo

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • operalnero

    31 Marzo 2013 - 19:07

    La politica è l'arte del compromesso,della mediazione,essere monolitici significa essere dei mediocri e conduce solo a situazioni di stallo ,come il suo caro Bersani ha ampiamente dimostrato.

    Report

    Rispondi

  • UNGHlANERA

    30 Marzo 2013 - 15:03

    ma figurati se c'è qualcuno che crede ancora alle cagate di Silvio

    Report

    Rispondi

  • Roberto51

    30 Marzo 2013 - 12:12

    Sono preoccupato. Sto rimpiangendo anch'io i vecchi tempi, i vecchi democristiani e i vecchi comunisti, cresciuti alla scuola dei preti, del pcus e spesso di entrambi. Avete presente la solidità di un De Gasperi, di un Fanfani o di un Togliatti? Quelli sapevano il fatto loro e, non dimentichiamolo, ci hanno portato dalla pezze al sedere (reali e non metaforiche) ad un benessere mai visto. Qand'è cominciato lo sfacelo? Io un'idea ce l'ho.

    Report

    Rispondi

  • Roberto51

    30 Marzo 2013 - 11:11

    Sono preoccupato. Sto rimpiangendo anch'io i vecchi tempi, i vecchi democristiani e i vecchi comunisti, cresciuti alla scuola dei preti, del pcus e spesso di entrambi. Avete presente la solidità di un De Gasperi, di un Fanfani o di un Togliatti? Quelli sapevano il fatto loro e, non dimentichiamolo, ci hanno portato dalla pezze al sedere (reali e non metaforiche) ad un benessere mai visto. Qand'è cominciato lo sfacelo? Io un'idea ce l'ho.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog