Cerca

Stipendio sacro

I "devotissimi" della Regione Lazio
pagano 25 mila euro per il prete
che guadagna come un funzionario

Achim Schutz dice messa alla Pisana. In 10 anni ha guadagnato 200 mila euro. Pagato con i soldi pubblici per dire messa e dare l'ostia. Alla regione hanno tante cose da farsi perdonare

I "devotissimi" della Regione Lazio
pagano 25 mila euro per il prete
che guadagna come un funzionario

Il prete dice messa, si sa. Ma se la sua prestazione deve costare ai contribuenti 25 mila euro l'anno, non c'è assoluzione che tenga. Il sacerdote dalle preghiere d'oro "lavora" alla Pisana, alla regione Lazio. Lui è Don Achim Schutz, il cappelllano della regione. Certo dopo lo scandalo Fiorito ne hanno di cose da farsi perdonare tra i corridoi del Palazzo, ma quei 25 mila euro pesano come un macigno. Insomma per dare l'ostia e fare qualche predica Don Schutz si porta a casa la bellezza di 2000 euro al mese. Il sacerdote alla Pisana è di casa da anni. Lo assunse Francesco Storace. Ma a quel tempo si badava ancora alle spese per la fede. Don Shutz guadagnava solo 1000 euro al mese. Insomma una paga onesta. Ma quando arriva Pietro Marrazzo alla Pisana cambia tutto. Il devotissimo governatore che non rifiutiva la compagnia di qualche trans, mette mano al portafoglio e raddoppia lo stipendio di Don Shutz. Ovviamente con i soldi pubblici. Ma padre Schutz viene apprezzato anche dalla timorata di Dio Renata Polverini. Lei non tocca un centesimo dello stipendio del prelato e lo lascia a dire messa per ben 2000 euro al mese. Ora Nicola Zingaretti, il neogovernatore cosa farà. Aumenterà ancora il compenso per padre Schutz oppure darà una bella sforbiciata al "sacro" stipendio? Beh, il prete però ha un curriculum di tutto rispetto. E' Docente di Antropologia Teologica presso la Pontificia Università Lateranenze e segretario della Pontificia Commissione internazionale d'inchiesta su Medjugorje. Vale il prezzo del biglietto. Salatissimo: 200 mila euro in 10 anni per assolvere una classe politica di peccatori cronici. (I.S.)

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • nudoecrudo

    31 Marzo 2013 - 11:11

    Mi ricordo i vecchi curati di una volta; curavano le anime. Ora, i curati curano ancora...sì...il loro portafoglio.

    Report

    Rispondi

  • corindia

    30 Marzo 2013 - 16:04

    Come sempre chi elargisce soldi a enti o persone religiose lo fa esclusivamente per darsi una smacchiata alla coscienza, pensando cosi' di ottenere qualche condono superiore....Ma il brutto della faccenda e' che stavolta quei soldi sono quelli che la comunita' cittadina elargisce di continuo per ottenere servizi da terzo mondo....Quindi stiano pur certi quei politici (e con loro quel prete che accetta simili donazioni) che tutta la cittadinanza si augura che possano sparire una volta o l'altra dalla nostra comunita'...

    Report

    Rispondi

  • rendagio

    30 Marzo 2013 - 16:04

    fai quello che dico e non fare cio´ che faccio......sia la sx che la dx , seguono ala lettera cio che disse il prete...non Fiori ma opere di bene , per noi ed in culo al popolo idiota

    Report

    Rispondi

  • spalella

    30 Marzo 2013 - 13:01

    pagano i fanatici di una stupida religone che è in via di sparizione, non comprendendo che la gente ormai crede solo a ciò che vede, crede alla sua ragione e non alle favole. Ma i maledetti politici della vecchia politica non capiscono, sono appunto vecchi e ignoranti e dovrebbero morire... per favore.

    Report

    Rispondi

blog