Cerca

I grillini ci rovineranno

I mercati e la finanza bocciano Grillo:
"E' il pericolo numero uno per l'Italia"

Goldaman Sachs scarica Beppe e ci mette in guardia: "Il vostro Paese è un problema per l'Unione Europea, colpa del fattore Grillo". Da evitare anche il voto anticipato

Beppe Grillo

Beppe Grillo

Beppe Grillo è un problema. I mercati sono preoccupati e soprattutto i grandi gruppi bancari. Superata la sbornia post-elezioni con il mondo della finanza che stendeva il tappeto rosso al nuovo carro dei vincenti, ora comincia la grande ritirata e si chiudono i cancelli davanti al nemico grillino. A farlo concretamente è stata Goldman Sachs. Solo qualche settimana fa la banca americana aveva incensato il leader a Cinque Stelle ora ci ripensa e Jim O'Neill, presidente della divisione asset management punta l'indice sul "vero problema dell'Unione europea" che non è Cipro "ma l'Italia con il fattore Grillo". Una bocciatura totale per il Movimento. La politica del "no" a tutti i costi non piace ai mercati che hanno bisogno di certezze, solidità e progetti concreti. Ma Grillo è a quanto pare la causa di tutti i mali. Il suo mancato accordo con il Pd per un'alleanza di governo, sta portando il Paese dritto dritto a nuove elezioni.

Paura per il voto
-  E anche questa ipotesi non convince affatto il mondo finanziario. "Nuove elezioni subito, senza aver prima messo mano a misure urgenti per l'economia e senza una nuova legge elettorale, potrebbero portare ancora ad un risultato di ingovernabilità, per lo meno al Senato, e potrebbero creare un aumento delle tensioni sui mercati perché significherebbe lasciare il Paese senza una guida forte", afferma Marco Valli, capo economista per l'eurozona di Unicredit. Ma un governo instabile o una fase di stallo come quella che stiamo vivendo è uno spauracchio ancora più temibile di Grillo. A sostenere questa tesi è il prorettore del Politecnico di Milano, Giuliano Noci: "il Paese di certo non può permettersi una fase di non governo" e per questo "credo che si arriverà ad una soluzione di larghe intese tra Pd, Pdl e Scelta Civica. La settimana prossima guarderemo al Quirinale e alle consultazioni, immagino che i vari attori dell'arena politica troveranno un accordo". (I.S.)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • jerico

    12 Marzo 2014 - 16:04

    Se ci fà uscire dall'euro ,lo votiamo subito ,capito ,stronzi americani ?

    Report

    Rispondi

  • C_Peter66

    31 Marzo 2013 - 22:10

    Se lo dice Goldman & Sachs allora.........VIVA GRILLO !!!

    Report

    Rispondi

  • ludvig53

    31 Marzo 2013 - 08:08

    economia europea,finanza mondiale,goldman sachs,tutti hanno paura che arrivi qualcuno a rovinargli il giocattolo ! a proposito di cipro....:state tranquilli che dall'europa non butteranno fuori mai nessuno! c'è il rischio che, dopo un ovvio momento di sacrifici(non è che adesso godiamo come pazzi), il paese che esce inizierebbe a stare meglio con la propria autonomia e responsabilità interna. parola di lupetto.

    Report

    Rispondi

  • gioant

    31 Marzo 2013 - 08:08

    se l'europoa,il mondo,crede che l'italiano più povero,sia disposto alla schiavitù,ha fatto male i conti,merda per il povero,merda per tutti,quindi i saggi sapessero che devono dare sussidi a tutti,e non solo a pensionati e a ex lavoratori licenziati,ma anche ai disoccupati di lungo corso e di ogni età.deve pappare il giovane,il medio e il vecchio,basta con la politiche razziste,se no è la guerra,il saggio avvisato è mezzo salvato.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog