Cerca

Suicidio politico

Bersani si arrende e si rifugia a Piacenza

Dopo il fallimento il segeretario Pd si è eclissato: è toccato ad Enrico Letta parlare dopo l'incontro al Colle

Pier Luigi  Bersani nello studio di "Porta a Porta"

di Mattias Mainiero

Sic transit gloria Pier Luigi. Traduzione per chi non ama le parole oscure e i giri di parole: Pier Luigi Bersani non c’è più. Precisazione: noi sappiamo, per la verità, che Bersani non c’è mai stato molto. Da ieri sera c’è ancora di meno. Smacchiato, per usare un termine a lui caro. Cassato. Estinto. Ei fu. L’uomo, evidentemente, ha un dono tutto suo: trasforma in nulla ogni cosa che tocca, compreso se stesso. Un re Mida molto particolare. Breve cronistoria di una lunga serie di insuccessi. P.L. era il vincitore in pectore delle Politiche. Grazie al rovinoso governo Monti e ai non pochi errori commessi dal precedente governo di centrodestra, gli sarebbe bastato stare zitto per fare il pieno di voti. Vincitore a mani basse e a bocca chiusa. Invece, Bersani ha deciso di parlare, ha dissipato il vantaggio enorme che aveva, ha subito la rimonta degli avversari, ha visto straripare Grillo e alla fine si è dovuto accontentare di un successo striminzito. In virtù della mezza débâcle elettorale, ha però ricevuto dal presidente Napolitano - che non poteva fare altro - l’incarico di esploratore. E dopo essersi perso nel vuoto della sua campagna elettorale è riuscito a perdersi anche nelle nebbie della sua supponenza e delle sue chiusure, del suo antiberlusconismo e delle sue fissazioni.


Leggi l'articolo integrale di Mattias Mainiero
su Libero in edicola oggi sabato 30 marzo

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • mamaris

    01 Aprile 2013 - 23:11

    Finalmente il "salame Bersani" è stato affettato!!... da solo.......

    Report

    Rispondi

  • kIOWA

    31 Marzo 2013 - 16:04

    Io mi sono vergognato per Lui.Un cane bastonato con la coda tra le gambe che mendicava delle briciole da due personaggi inutili e arroganti.

    Report

    Rispondi

  • imahfu

    31 Marzo 2013 - 12:12

    Che non vi siete accorti che la crisi é acuta perché il Cav. anzichè governare faceva il 'flaccido'' Un premier con 14 'prescrizioni'

    Report

    Rispondi

  • perfido

    30 Marzo 2013 - 14:02

    Quando dicevano di Bersani che, doveva smacchiare il giaguaro, significava di azzerare le macchie color nero dell'animale?. Non avevo presente come fosse un giaguaro, immaginavo un caimano, un dinosauro o robe varie, capito?. E, come avrebbe potuto togliere tutte quelle macchie, poverino di Bersani. Alla fine non si può neanche attribuirgli tutta la colpa del fallimento. Nessuno del PD si è prodigato ad aiutarlo. Adesso cosa fa, si porta a Bettola, il giaguaro, e chiede aiuto in famiglia per provare a smacchiarlo per le prossime elezioni? Non serve più, Pier, perché il tuo "padre-padrone" baffino, ti ha definito matto!. Forse, questa è l'unica volta che c'azzeccato. Buona Pasqua.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog