Cerca

Stallo fatale

Effetto collaterale di Napolitano: ha fatto resuscitare Monti

Il Colle ridà ossigeno al morente esecutivo del Prof: "Pagheremo le aziende, andiamo avanti"

Effetto collaterale di Napolitano: ha fatto resuscitare Monti

di Sandro Iacometti

Appena tre giorni fa diceva in Parlamento che «il governo non vede l’ora di essere sollevato dall’incarico». Frase arrivata solo qualche ora dopo un Consiglio dei ministri in cui il governo aveva messo tutta la sua determinazione nell’evitare con cura ulteriori grattacapi, rinviando senza colpo ferire questioni delicate e importanti come la Tares, la golden share e la rimozione del relitto della Costa Concordia al prossimo esecutivo. Ma sono bastate poche parole di Giorgio Napolitano per cambiare di colpo tutto. Abbiamo la «concreta certezza rappresentata dall’operatività di un governo», il governo Monti, «tuttora in carica e non sfiduciato in Parlamento», ha detto il Capo dello Stato annunciando l’istituzione di due gruppi di saggi per mettere a punto il programma di un possibile futuro esecutivo di scopo. 

Frasi che hanno immediatamente ringalluzzito il premier dimissionario. Anche perché Napolitano non si è limitato a prendere atto di una situazione ovvia, ovvero di un governo ancora in carica come prevede la Costituzione, ma ha anche lasciato intendere che i compiti che aspettano l’esecutivo vanno al di là dell’ordinaria amministrazione, che è il perimetro formale della sua azione.  È un governo, quello guidato da Mario Monti, che «ha annunciato e sta per adottare provvedimenti urgenti per l’economia, d’intesa con le istituzioni europee e l’essenziale contributo del nuovo Parlamento attraverso i lavori della commissione speciale presieduta da Giorgetti». E poco importa che due dei tre provvedimenti all’esame della commissione, ovvero  il pagamento dei debiti della Pubblica amministrazione alle imprese e lo schema di decreto del ministero del Lavoro sull’accesso alla pensione per gli esodati (il terzo è lo schema di decreto del presidente della Repubblica sull'8 per mille), siano arrivati fuori tempo massimo per riparare gli errori dello stesso governo tecnico.

Monti coglie subito al balzo la palla lanciatagli dal capo dello Stato. Dal quale, dice, «è giunto un invito, così lo interpretiamo, ad avvalerci pienamente delle possibilità che esistono, con il contributo del nuovo Parlamento». Il premier conferma anche che «il governo è in carica, sia pure per gli affari correnti». 

D’altra parte, come spiega il costituzionalista Enzo Cheli, la «soluzione inedita nella storia Repubblicana messa in campo dal presidente della Repubblica» ha tra gli effetti collaterali quello di rilegittimare l’esecutivo Monti, trasformato in «governo di scopo» che può spingersi «oltre l’ordinaria amministrazione». Senza, oltretutto, ed ecco l’inghippo ben sottolineato dalle parole di Napolitano, alcuna necessità di chiedere la fiducia. Come spiega il giurista, esperto molto apprezzato dal Colle, il governo Monti non ha bisogno formalmente di alcun passaggio parlamentare «perché è solo dimissionario e la fiducia non la ha mai persa». Resta da capire una cosa: ma per tenersi Monti c’era bisogno di mettere in piedi tutta questa baraonda?

twitter@sandroiacometti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • 19gig50

    02 Aprile 2013 - 12:12

    Ma quante lingue parla questo qui? Prima non vedeva l'ora di finire il mandato poi, ringalluzzito dalle parole di re giorgio, vorrebbe continuare a demolire l'Italia.

    Report

    Rispondi

  • carlozani

    02 Aprile 2013 - 10:10

    Napolitano critica alcuni partiti perchè ha dato l'incarico a 10 saggi(?)e nonostante le elezioni ha rilanciato l'incarico a Monti che diceva di non vedere l'ora che terminasse il suo mandato per cambiare poi idea.Diciamo basta a tutti questi sotterfugi,a queste str...te di Napolitano.Se non ci sono i numeri per governare si ritorni alle urne. Carlo Zani

    Report

    Rispondi

  • gyxo

    02 Aprile 2013 - 08:08

    Quando le pagherai le aziende?Quando saranno definitivamente fallite?Balordo filo banchieri distruttore indefesso dei nostri beni.Di professori come te non ne vogliamo più.Ritorna pure in Europa a fare danni assieme alla Merkel ed affini,tanto il compagno napolitano ti ha sistemato economicamente facendoti arbitrariamente senatore a vita.Godrai poi di pensioni multiple vergognosamente sostanziose e potrai indefesso difendere le caste che vigliaccamente non hai voluto colpire perchè ti piace vincere facile togliendo il pane dalla bocca di chi per sfamarsi ha solo il pane.Bonjour tristesse.

    Report

    Rispondi

  • gregio52

    01 Aprile 2013 - 15:03

    In questo paese chi peggio razzola meglio vive. Monti un esempio dello scempio italiano ma come uno "stronzo" galleggia sempre.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog