Cerca

Facci

Tonino di Pietro nell'uovo di Pasqua: "Pronto ad andare col Pdl". Ma...

Pesce d'aprile. Il fatto che qualcuno ci abbia creduto spiega che la crisi che stiamo vivendo non è soltanto economica

Filippo Facci

Facci visto da Vasinca

 

di Filippo Facci

La decisione di Antonio Di Pietro di aderire ad Pdl - ma soprattutto la decisione del Pdl di accoglierlo senza colpo ferire - probabilmente non verrà mai «ufficializzata», anzi, verrà dapprima dissimulata e poi fatta passare in cavalleria sinuosamente, piano piano, una smentita dopo l’altra. Si è mormorato addirittura di un presunto incontro ad Arcore - ne ha fatto cenno, in via dubitativa, solo Dagospia - ma il punto non è se la strategia che vi sta dietro possa avere un senso: intercettare e riportare a casa, cioè, le frange più forcaiole che dal centrodestra erano scappate verso Grillo, nonché uno zoccolo durissimo di elettori dipietristi (2,5 per cento) che alle prossime elezioni potrebbero fare la differenza e disinnescare le rinnovate velleità ingroiane. Il punto non è neppure quanto il Pdl possa fidarsi di un personaggio del genere: un uomo che del doppiogioco ha fatto una regola di vita e che ha passato gli ultimi vent’anni a cercar di fottere Berlusconi. Il punto è quanti possano resistere, quanti, cioè, possano andarsene dal Pdl realmente disgustati. Sono tempi cinici e al mercato delle vacche siamo abituati, ma Di Pietro nel Pdl significherebbe andare oltre. E il fatto che anche solo per un attimo possiate averci creduto, a questo tardivo pesciolino d’aprile, spiega che la crisi che stiamo vivendo non è solo economica. 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • UNGHlANERA

    02 Aprile 2013 - 21:09

    non è distante da tutte le balle che ci propina con i suoi articoli ogni giorno

    Report

    Rispondi

  • ilrancero

    02 Aprile 2013 - 17:05

    ma dove sono i soldi del disciolto partito di Di Pietro______________________

    Report

    Rispondi

  • laghee

    02 Aprile 2013 - 16:04

    chiunque, aveva capito che si trattava del primo aprile ! tuttavia, conoscendo il personaggio, pur di arraffare qualche altro palazzo sarebbe disposto a questo ed altro !

    Report

    Rispondi

  • La cugina di Gheddafi

    02 Aprile 2013 - 14:02

    visto il tenore delle notizie che pubblica la vostra testata (vedi questo articolo a firma Antonio Di Pietro che parla di Antonio Di Pietro) la mia opinione, personale s'intende, è che "Libero" dovrebbe uscire una sola volta all'anno, esattamente il primo di aprile.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog