Cerca

Prove di dialogo

Bersani e Berlusconi, l'intesa può arrivare sul Quirinale

Bersani e Berlusconi, l'intesa può arrivare sul Quirinale

di Claudio Brigliadori

Francesco Verderami, sul Corriere della Sera, lo chiama "l'incontro di due debolezze". Quella di Pierluigi Bersani, fiaccato dal flop consultazioni e dalla fronda interna al Pd (i renziani, e non solo loro, agitano lo spettro di Matteo Renzi) e quella di Silvio Berlusconi, innervosito dai dieci "saggi" del presidente Napolitano e dall'idea di avere sul Quirinale tra poche settimane un suo acerrimo nemico (Romano Prodi in testa). Su queste basi, nonostante il segretario del Pd lo abbia ribadito fino alla nausea ("Niente governissimo con il Pdl", ha detto anche martedì), il punto di convergenza è uno solo, e chiaro: il Colle. Bersani ha già parlato di "larghe intese" e "dialogo" sull'elezione del presidente della Repubblica e si è detto disponibile ad incontrare il Cavaliere. Cavaliere che dal canto suo sarebbe anche disposto, pur di avere un nome soddisfacente sul Quirinale, a non impedire la formazione del governo Bersani. Un esecutivo di minoranza, certo, che prenderebbe le mosse dall'eventuale astensione dei senatori Pdl e che poi potrebbe vivere di varie ed eventuali desistenze. Ma le mosse di Pierluigi lasciano intendere questo: pur di non tornare subito al voto, va bene tutto.

Le paure di Pier e Silvio - Due debolezze, si diceva. Bersani non vuole andare al governo con il Pdl né essere fatto fuori dai suoi nemici interni. Per questo potrebbe scendere a patti col (suo) Diavolo. Berlusconi teme a sua volta che senza concedere qualcosa a Pierluigi, saranno gli altri a rompergli le uova nel paniere. Il Pd potrebbe eleggere il Capo dello Stato anche solo con l'accordo di Scelta civica, e a quel punto il nome naturale sarebbe quello di Prodi, seguito a ruota da Franco Marini e Giuliano Amato. Non esattamente le prime scelte del Cav che vorrebbe, da un paio di settimane, lanciare definitivamente Gianni Letta. Missione praticamente impossibile. Peggio andrebbe se a prendere la situazione in mano fosse il Movimento 5 Stelle: il nome più caldeggiato dai grillini sarebbe quello del costituzionalista Gustavo Zagrebelsky, un "falco" secondo il Pdl.

Il nome per il Quirinale - Zagrebelsky potrebbe ottenere i voti decisivi dai democratici e, cosa ancor più preoccupante, avere un effetto domino anche su Palazzo Chigi e sul governo con l'eventuale alleanza diabolica Pd-M5S e tutto quello che ne consegue (legge sull'incandidabilità, conflitto d'interessi). Per scongiurare il rischio, Berlusconi potrebbe avere una carta buona da giocarsi con Bersani: quella di Giorgio Napolitano, cui entrambi vorrebbero chiedere il sacrificio della "rielezione a tempo". Non esattamente un "moderato d'area liberale", ma meglio di niente.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • UNGHIANERA

    03 Aprile 2013 - 18:06

    Quando parli di rincoglioniti ti ci devi ficcare anche tu dentro il mucchio,anzi,tu devi portare il vessillo! Sei uno dei tanti ingarbugliati che giudicano un uomo mai condannato dopo 37 processi e che ha evidenziato l'anomalia giudiziaria italiana e,solo perché è un amante della gnocca,il tuo ipocrita moralismo lo condanna ancora prima della legge!Non hai niente da insegnarci,caso mai ci mostri come dobbiamo essere e comportarci,l'opposto di quello che sei e fai tu!

    Report

    Rispondi

  • gioperla

    03 Aprile 2013 - 17:05

    In realtà il PD ha gia trovato la soluzione ai problemi dell'Italia: www.partitodemocratico.it

    Report

    Rispondi

  • perfido

    03 Aprile 2013 - 14:02

    con la sottana. Il Cavaliere, che sia maschio lo sa tutto il mondo. Non vorrei che il comunista, ragionando con la mente contorta, possa rivolgersi a Silvio dicendo :"visto che devo fare la femminuccia, incomincia a baciare la mia "farfallina". Quando si tratta di dare addosso a BERLUSCONI, sono capaci della qualsiasi. Per quanto riguarda il nome al Quirinale, non è il "letto" ad unirli. Forse, sarà lo zio LETTA. Alla fine è sempre il nome al "femminile" il pomo della discordia. Silvio forever.

    Report

    Rispondi

  • nick2

    03 Aprile 2013 - 13:01

    Significa non aver capito che le ultime votazioni hanno cambiato tutto. Lei si augura un inciucio Pd Pdl all’insegna del non farsi male, fingere qualche riforma, qualche riduzione di stipendi e lasciare, in sostanza tutto com’è. Sarebbe un suicidio. Grillo vincerebbe a man basse fra un anno o al massimo due! Persino il carrozzone PD si sta completamente rinnovando e, a breve, anche Bersani sarà sostituito da Renzi. Voi vi presentate ancora con Berlusconi, Verdini, Schifani, Cicchitto, Brunetta, Bonaiuti e dichiarate sfacciatamente di non volere un tal Governo o un tal Presidente della Repubblica per paura che venga approvata una legge anticorruzione o sul conflitto d’interessi. E’ inaudito! Dovete avere il coraggio di mollare il vecchio satrapo, di spiegare la verità a quei sette milioni di vecchi rincoglioniti che avete irretito e di ricostruire una destra laica, ONESTA ed europea, ridotta da Berlusconi ad un ricettacolo di mafiosi, corruttori, corrotti, ladri, leccapiedi e puttane.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog