Cerca

Il caso

M5S, Senato: respinte le dimissioni della Mangili

Respinte le dimissioni della Mangili. "Lascio per motivi personali", ma il sospetto è che sia un'epurata. L'aula vuole vederci chiaro

Giovanna Mangili

Giovanna Mangili

di Andrea Tempestini
twitter @antempestini

Il caso si complica. Il Senato ha respinto le dimissioni della senatrice del Movimento Cinque Stelle, Giovanna Mangili, che aveva annunciato di voler rinunciare all'incarico 20 giorni dopo le elezioni e 24 ore dopo il suo ingresso in aula. I partiti hanno ritenuto "lacunose e vaghe" le motivazioni che avevano spinto la grillina a lasciare Palazzo Madama. Il Senato, insomma, vuole fare chiarezza sulla questione. La Mangili, eletta in Lombardia, aveva spiegato il passo indietro con "motivi personali". Dietro al gran rifiuto, però, parevano esserci le pressioni del Movimento 5 Stelle per una sorta di piccola parentopoli grillina, per un ipotetico "voto di scambio", di cui vi diamo conto nel resto dell'articolo.

"Dimissioni in bianco?" - Secondo Alessandra Mussolini, le "dimissioni per motivi personali fanno venire in mente le lettere di dimissioni in bianco che molte lavoratrici sono costretta a firmare pur di avere un lavoro", Una frase, quella della senatrice del Pdl, che va dritta dritta al cuore del problema: il sospetto è che la grillina sia stata costretta a dimettersi poiché sgradita al Movimento. Benedetto Della Vedova di Scelta Civica ha sottolineato come le dimissioni devono essere motivate personalmente in aula dall'interessata, mentre Anna Finocchiaro del Pd ha ricordato che "ciascun membro del Parlamento rappresenta la nazioni" e che "le espressioni di rinuncia della senatrice Mangili risultano improprie".

La difesa di Crimi - Il capogruppo pentastellato Vito Crimi, in aula al Senato, si è subito messo sulla difensiva, chiedendo ai colleghi di astenersi dal "cercare motivazioni inesistenti che attengono alle dimissioni della senatrice Mangili". La richiesta di Crimi è arrivata dopo che Pd, Pdl e Scelta Civica hanno formalmente chiesto alla senatrice dimissionaria di spiegare le ragioni per le quali vuole rinunciare al suo mandato. "La senatrice Mangili - ha proseguito il capogruppo - ha chiesto quale procedura seguire per le sue dimissioni e c'è stata la volontà di non svolgere l'attività parlamentare, non ha eseguito alcuna registrazione. Come ho già anticipato in conferenza capigruppo, mi farò portavoce presso la senatrice Mangili chiedendole di venire qui a spiegare personalmente. Non posso impegnarmi per lei, cercheremo di trovare una soluzione, sia pure una lettera, per spiegare a tutti i senatori le sue motivazioni".

Il caso - Le parole di Crimi, però, non fanno altro che rilanciare il sospetto delle scorse settimane. Ovvero che la Mangili sia soltanto l'ultimo degli epurati dal Movimento. I sospetti sul suo conto hanno cominciato a circolare dopo la folgorante "performance" alle parlamentarie: iscritta all'ultimo secondo, risultava tra le più votate nella circoscrizione Lombardia1. Un fulmine a ciel sereno per i grillini di vecchia data, che contavano di piazzare in Senato un altro nome. Così è partita la caccia alle streghe. Sui forum fioccavano le accuse: nel mirino, in particolare, il matrimonio con Walter Mio, attivista pentastellato, eletto pochi mesi prima consigliere comunale a Cesano. La tesi dei complottisti era che i grillini monzesi avessero fatto gioco di squadra per "blindare" la Mangili, nonostante la sua scarna e breve militanza. I grillini parlarono di voto di scambio. Quindi, dopo il "botto" alle elezioni e lo sbarco in Parlamento, le immediate dimissioni. "Motivi personali", spiegava lei. "Epurata", dicevano i partiti e chi il Movimento lo segue da vicino. Ora anche il Senato vuole vederci chiaro.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • fulgenzio

    04 Aprile 2013 - 07:07

    Ad un parlamentare si richiedono doti a livelli superiori alla norma se si considera il ruolo che dovranno ricoprire. Ma voi pensate che un errore di valutazione, fatto come candidata, nei confronti di Grillo, debba essere ingnorato? Era palese che il comportamento da eletta doveva essere assolutamente "blindato"! Ma lei si è svegliata solo ora.

    Report

    Rispondi

  • Frenki

    03 Aprile 2013 - 21:09

    E' ora di farla finita con questo cretino, ha fatto bene il Senato a respingere le dimissioni. Hanno firmato un documento e sono tutti ricattabili da Grillo & compani. Vedete cari cittadini cosa sono i partiti padronali!! PDL e M5S sono partiti con un padrone e degli schiavi che devono votare quello che gli dice il Boss.

    Report

    Rispondi

  • opzionemib0

    03 Aprile 2013 - 21:09

    si dimetta ...era il nulla che per casio si e' trovata li, se e' tutto piu' grande di lei che se ne vada,prima di farci vergognare.

    Report

    Rispondi

  • Nina1957

    03 Aprile 2013 - 20:08

    ... cosa sono andati a fare i grillini in parlamento..... dicono no a tutto, è così che pensano di lavorare per la gente che li ha votati (mi dispiace per loro...)? Vorrebbero tutto loro, hanno capito che rappresentano 30% e non il 100% dei votanti? Bho!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog