Cerca

Sobrietà per gli altri

Camera, altro che tagli: la Boldrini quadruplica l'ufficio di comunicazione

I fortunati sono ex-parlamentari non eletti e famosi figli di: Roberto Natale, Valentina Loiero, Carlo Leoni e Giulia Laganà

Laura Boldrini

Predica bene e razzola male, Laura Boldrini. Retorica terzomondista, richiami alla sobrietà, l'annuncio in mondovisione del taglio alle idnennità di funzione: tutte mosse dal sicuro e roboante effetto mediatico che però è solo il lato, appunto più visibile, della medaglia. Il lato oscuro è invece rappresentato dall'infornata di trombati e figli di, assunti su chiamata diretta della sobria Boldrini. 

Quadruplicato l'ufficio di comuncazione - Ne da conto Il Giornale di oggi, venerdì 5 aprile, che evidenzia come la neo presdiente della Camera ha quadruplicato il proprio staff di comunicazione, derogando ad una prassi consolidata che prevede che il presidente della Camera si porti con se un portavoce, ma faccia poi affidamento sui giornalisti dell'Ufficio stampa della Camera per quanto riguarda le altre mansioni. I fortunati estratti dalla Boldrini sono cinque, quattro dei quali ben noti per aver ricoperto ruoli di rilievo all'interno di partiti e testate giornalistiche. Rigorosamente di sinistra, ovviamente.

Assunti tromabati e figli di - Il primo è Roberto Natale, già a capo del sindacato dei giornalisti Rai (Usigrai) nonchè della Fnsi, la Federazione Nazionale della Stampa italiana. Candidato alle ultime elezioni con il partito di Nichi Vendola, è stato sonoramente trombato. A ripescarlo dal limbo ci ha però pensato la Boldrini, sua compagna di partito,  a Sel, che lo ha nominato suo portavoce. C'è poi Valentina Loiero, figlia dell'ex governatore della Calabria, Agazio, già inviata del Tg5 a Lampedusa. Ed è qui che i due si sono conosciuti, instaurando un rapporto di stima reciproca sfociato nella nomina a capo della comunicazione della Loiero. E passiamo ad un altro trombato di lusso: Carlo Leoni, ex-vice presdiente della Camera in quota Pd, candidato alle ultime  elezioni e non rieletto, sarà il nuovo consigliere politico della sobria Boldrini. Anche lui, assunto per chiamata diretta. Infine, c'è Giulia Laganà, figlia dell'ex- parlamentare giusitizialista del Pd Tana de Zulueta, che farà da addetta stampa ai rapporti con gli organismi internazionali. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • principedakkar

    13 Dicembre 2013 - 10:10

    i kompagnucci credono che lo stato possa assumere chiunque, a spese dei fessi contribuenti, da TARTASSARE senza pietà. Lo fanno sempre, l'hanno sempre fatto, e lo faranno appena possono, anche Renzi ha scelto come "consigliere economico" un certo Taddei, che vuol mettere una SUPER-PATRIMONIALE ANCHE SULLA PRIMA CASA. Come dice il proverbio: "la mamma dei cretini è sempre incinta", ed i cretini continuano a votare a sinistra, credendo che cambi, e invece è sempre la stessa politica: TASSARE E BUTTARE VIA I SOLDI!

    Report

    Rispondi

  • allianz

    06 Aprile 2013 - 05:05

    Io avevo pensato a ben altri figli di...."*******".Comunque,o questi od altri...."per me pari sono..."

    Report

    Rispondi

  • fonty

    fonty

    06 Aprile 2013 - 00:12

    I Grillini non hanno niente da dire dopo che hanno fatto una campagna tutta imperniata sulla eliminazione di queste vergognose aberrazioni ?

    Report

    Rispondi

  • max 72

    05 Aprile 2013 - 22:10

    e semplicemente scandaloso e vergognoso!!!!!!!a casa a calci in culo lei e chi la messa li cazzo!!!!!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog