Cerca

Italia dei Valori continua

L'Idv, il partito non si scioglie per non perdere i soldi

Nelle casse ci sono ancora 16 milioni di euro che, se il movimento si scioglie, devono essere restituiti allo Stato

Antonio Di Pietro

Sono giorni di grande tensione per Antonio Di Pietro. Uscito a pezzi dalla disfatta di Rivoluzione civile di Ingroia nelle ultime elezioni, ieri sabato 6 aprile si doveva votare un documento molto delicato, quello che l'ufficio di presidenza aveva messo a punto il 26 marzo scorso e che prevedeva lo scioglimento del partito dell'Italia dei Valori. Un partito povero di voti ma ancora con tanti soldi in cassa: per la precisione 16 milioni (di cui otto milioni in titoli, quattro in contanti e soprattutto altri quattro milioni che devono entrare come rimborsi). Al Marriot Hotel di Roma,  per votare quel documento, non si sono visti i pezzi grossi, a partire da Leoluca Orlando e Felice Bellisario favorevoli a un rinnovamento del partito. Ma l'esecutivo ha respinto quel documento, facendo felice Di Pietro che parlava di "golpe" evitato e ha annunciato un congresso per la fine di giugno in cui lui si presenterà dimissionario. "Ormai ho pochi capelli in testa, serva un cambio generazionale". E' stata quindi, per il momento, bocciata l'idea di un movimento ma spingere verso questa direzioni più che le ragioni politiche sono state le ragioni economiche. Se l'Italia dei Valori avesse chiuso avrebbe dovuto restituire allo Stato anche quel tesoretto da 16 milioni.  

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • agostino.vaccara

    08 Aprile 2013 - 13:01

    Non se ne parla neanche da lontano! Vuoi mettere quante belle casette il bravo tonino può comprarsi con 16,9 milioni??????

    Report

    Rispondi

  • maxgarbo

    08 Aprile 2013 - 10:10

    ma va a zappare!

    Report

    Rispondi

  • kIOWA

    08 Aprile 2013 - 09:09

    Tonino(contadino)"scarpe grosse e cervello fino"I soldi li tiene e li amministra Lui,magari compra un'altra casa(per il partito,dice lui).

    Report

    Rispondi

  • enricoti

    07 Aprile 2013 - 22:10

    ah si! abbiamo fatto un bel progresso in questi ultimi venti anni dal 1993 anno Tangentopoli di Tonino/Enimont! va pù là! Bel ventennio!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog