Cerca

lettere al direttore

News da Radio 105

ascolta ora

Radio 105

La lotta per il Campidoglio

Alemanno sbrocca a L'aria che tira: "Vergognatevi, dite solo balle"

Al centro del dibattito c'era il debito del Comune di Roma. "L'irpef l'ha aumentata lo Stato, non noi, per ripagare il debito creato da Veltroni", si è difeso il Sindaco

Gianni Alemanno

Gianni Alemanno

Duro sfogo del Sindaco di Roma Gianni Alemanno durante una puntata della trasmissione L'aria che tira, in onda su La7. Nella puntata si parlava dei problemi di Roma e del debito che grava sulla casse capitoline e quando la conduttrice illustra con un grafico le cifre monstre del debito, circa 12 miliardi, Alemanno va su tutte le furie: Vergognatevi, avete detto solo un mare di balle su queste cose", ha sbottato. Una vera e propria sfuriata, quella del Sindaco di Roma, che ha voluto precisare l'origine del debito monstre accumulato negli anni dalla Capitale: "Il debito era di 12 miliardi 300 milioni al termine del mandato di Veltroni che abbiamo ridotto di 3 miliardi. L'aumento dell'Irpef introdotto dallo Stato per fronteggiare il debito tanto che l'abbiamo chiamato 'Veltron tax' e voi lo attribuite a me. Ma siete matti?". Alemanno è stato poi sul punto di abbandonare lo studio ma è poi ritornato sui suoi passi, affermando di non lasciare la trasmissione solo per rispetto ai telespettatori.

Lo sfogo di Alemanno a L'aria che tira. Guarda il video su Libero Tv

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • imahfu

    15 April 2013 - 17:05

    Un nullo che si arrangisava, non dissimile dalla maggioranza del vertice PDL

    Rispondi

  • arwen

    09 April 2013 - 09:09

    Come al solito, invece di guardare la realtà voi vi girate il vostro film personale. Alemanno ha fatto esattamente ciò che avevano già fatto Rutelli e Veltroni mettendo amici e amici degli amici nei posti chiave. Non fate i santarelli, sapete che è così. Detto questo, mi sembra ovvio che Alemanno come sindaco abbia fallito, ha fallito nello stesso modo in cui fallirono miseramente Rutelli e Veltroni, nonostante la sinistra non riesca ad ammetterlo. Roma era un cesso e riamane un cesso. Non uno degli atavici problemi è stato affrontato e risolto ed il risultato è davanti agli occhi di tutti. Ora ci vogliono far credere che il povero Ignazio sia l'uomo della provvidenza..Ma andiamo ma lo avete sentito parlare? Poverino ma cosa volete che faccia? Un po' di propaganda, un po' di ideologia, altro non può e i problemi rimarranno ancora lì in attesa del priossimo sindaco. A proposito, cari amici di sinistra ma gli oltre 13 miliardi di debito gentilmente lasciati da Veltroni ve li ricordate?

    Rispondi

  • ariannina

    08 April 2013 - 20:08

    ha proprio ragione Alemanno nel dire che voi sinistroidi raccontate solo balle!! ...cara Valeria dici che Alemanno ha inserito nelle aziende comunali parenti...bè ...strano che fino ad ora non è stato 'scoperto' alcun parente ...forse...perchè è una grande menzogna!!! mi sa che la cafona in questo caso sei proprio tu che insulti gratuitamente oltre che essere una grande menzognera!!!

    Rispondi

  • katerin

    08 April 2013 - 19:07

    grande alemanno !! peccato che non vivo a roma perchè ti avrei sicuramente votato.finalmente hai fatto fare una bella figura di menzognera a quella conduttrice cosi di parte.

    Rispondi

Mostra altri commenti