Cerca

L'incantesimo si rompe

Il Pd dichiara guerra ai grillini:
"No alle commissioni senza governo,
il M5S fa violenza sul parlamento"

Dopo gli occhi dolci per avere un appoggio ad un governo Bersani ora tra dem e pentastellati volano stracci. Zanda(Pd): "Basta con le minacce di occupazione, rispetto per le istituzioni"

Luigi Zanda

Luigi Zanda

Tira aria di tempesta in Transatlantico. I grillini sono sul piede di guerra. La truppa a Cinque Stelle in parlamento vuole subito la nomina della nuove commisioni permanenti per cominciare i lavori parlamentari. Una scelta quella grillina che va in una sola direzione, quella indicata dal leader Beppe: "Il parlamento può lavorare anche senza un governo". Insomma ai pentastellati di avere un esecutivo non importa nulla, hanno la testa solo alle commissioni. Ma di questo stesso parere non è il capogruppo al Senato del Pd Luigi Zanda che frena i grillini e detta la linea per i democratici: "Niente commissioni fino a quando un governo non si sarà formato". I capigruppo bocciano così l'ipotesi avanzata dal Movimento 5 stelle. Zanda ha spiegato che la decisioni sono state prese "a larga maggioranza". Contrari il Movimento 5 Stelle e Sel.

Guerra aperta -
Ma la polemica tra democratici e Cinque Stelle va avanti. I grillini avevvano minacciato di occupare il parlamento se oggi non fossero state istituite le commisioni. Zanda parla di attentato alla democrazia e di scarso rispetto per il parlamento e senza mezzi termini attacca i Cinque Stelle: "ll parlamento è il luogo dove si parla, si discute, abbiamo la capigruppo, la commissione speciale, l'aula che sta lavorando a esaminare i provvedimenti che le vengono proposti. Penso che la minaccia di occupare l'aula non sia democratica - ha aggiunto - non è parlamentarmente corretto". E sulle proteste dei Grillo-boys, Zanda non ha dubbi: "Sul problema del lavoro del Senato e del parlamento in generale dobbiamo essere sempre pronti a rivedere le nostre posizioni ma dobbiamo stare molto attenti a non farlo in condizioni quali la minaccia di occupazione dell'aula o altre forme di violenza anche passiva". Insomma è guerra aperta tra democratici e M5S. Una guerra al veleno che dura ormai dalla famosa diertta streaming durante le consultazioni del preincaricato Bersani. E' finito il tempo degli occhi dolci di largo del Nazareno ai grillini.Il banco è saltato. E Pier ora vuole vendicarsi. (I.S.)

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • blu521

    09 Aprile 2013 - 14:02

    E' ragionevole attendere il nuovo Governo prima di insediare le Commissioni Permanenti. Ma le Giunte? Non si vedono ragioni per non procedere alle loro composizioni, soprattutto alla Giunta delle Elezioni. E' chiaro che non si vuol discutere sull'ineleggibilità del nano. Questa sì che è vera violenza!

    Report

    Rispondi

  • encol

    09 Aprile 2013 - 14:02

    Ogni uomo VERO deve mettere al primo posto l'onesta e la dignità di se stesso. Ciò detto i sigg. NO inizino con il mettere in pratica almeno il primo punto L'ONESTA'- Restituiscano tutto il maltolto alla povera gente. Questo li renderà un po meno INDIGNITOSI.

    Report

    Rispondi

blog