Cerca

La grande ammucchiata

Di Pietro prepara la sua rivincita
Cinque Stelle, Idv e...Ingroia
ecco la coalizione di Grillo

Tonino è pronto a tornare. Beppe sa già che il 25 per cento non basta per andare al governo. Così scatta l'alleanza: "Il matrimonio si farà, manca solo la casa"

Grillo e Di Pietro

Grillo e Di Pietro

di Ignazio Stagno

Antonio Di Pietro
vede le stelle. Non perché è stato suonato dal voto delle ultime elezioni, ma per quella sua voglia irresistibile di salire sul carro di Beppe Grillo. Un carro grande e con una base solida di elettorato, mica quella carrettina che aveva Antonio Ingroia con Rivoluzione Civile. Tonino dice di non essere morto e che vuole tornare più forte di prima. Sarà, ma guardando i numeri de L'Italia dei Valori sembra davvero un'impresa difficile. Lui quella notte del 25 febbraio l'ha chiamata "la mia Waterloo". Una sconfitta sonora difficile da digerire. Ma lui non si perde d'animo. Le toghe sono dure a morire. "Sono ancora il primo ad arrivare in ufficio e l'ultimo a chiuderlo. Giro di regione in regione. Sempre in campagna elettorale", racconta Tonino a Il Fatto. Ma dietro le sue mosse c'è una strategia inquietante. E in questo caso entra in gioco anche il Movimento Cinque Stelle.

Coalizione con Grillo - Tutti si stanno preparando per il voto anticipato. Che sia tra un anno o tra qualche mese poco importa. Tutti sanno che questa legislatura, la n°17 è "sfigata", per dirla alla Enrico Letta, e allora finirà prima del tempo. Grillo sa bene che il suo 25 per cento non basta per mettere le mani sul governo. E allora colpo di scena, il Movimento Cinque Stelle potrebbe aprire anche ad una coalizone. Un rassemblement di giustizialisti rumorosi alla Di Pietro da imbarcare sull'arca del populismo sfrenato. Tonino in pratica ha già deciso: vuole la coalizione con i grillini. E non ne fa mistero: "Già ne stiamo discutendo. Parlo spesso sia con Beppe che con Casaleggio, con cui ho già lavorato in passato. Ma prima del matrimonio dobbiamo capire cosa faremo da grandi: la coalizione di domani non può essere di pura protesta".

E Ingroia? - Insomma il matrimonio è in vista. Manca solo la data delle nozze. E il testimone chi sarà? Antonio Ingroia, ovvio. Anche lui potrebbe salire sul carro di Beppe. Per quel posto alla riscossione tributi in Sicilia le cose si mettono male. Il Csm si sta mettendo di mezzo per sbarrargli la strada. E allora Tonino pensa già all'ex pm. "Io e Antonio ci sentiamo sempre e siamo in grande sintonia". Alle prossime elezioni dunque potrebbe arrivare un coalizione di M5S, Italia dei Valori e Azione Civile. Un mega cartello per sbancare. Ma l'unico ad avere i numeri è Grillo. Tonino finora ha nel cassetto i sogni che spesso sono sbocciati come incubi terribili. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • kinowa

    18 Maggio 2013 - 17:05

    Le stelle sono cinque - Grillo- Di pietro- Ingroia-mancano fini e Casini, per fare il clu dei trombati con a capo Grillo che trombato non lo è stato di sicuro, ma con quei compagni si suiciderà.

    Report

    Rispondi

  • noinciucio

    11 Aprile 2013 - 08:08

    Almeno con una botta sola ci leveremmo 2 partiti e 1 Mo Vi Mento (sottotitolo "domani forse vi dirò la verità!!)

    Report

    Rispondi

  • noinciucio

    11 Aprile 2013 - 08:08

    "Sono ancora il primo ad arrivare in ufficio e l'ultimo a chiuderlo. Giro di regione in regione. Sempre in campagna elettorale"! Se è il primo ad arrivare in ufficio e l'ultimo ad uscirne, dove lo trova il tempo per girare di regione in regione?

    Report

    Rispondi

  • encol

    11 Aprile 2013 - 08:08

    sogna solamente i soldi. E' un fanatico che all'epoca Craxi si trastullava in garconniere cafoneggiando per Milano a bordo di una mercedes da ricco. Eppure era senza soldi............

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog