Cerca

Bandiera bianca sul governo

Napolitano, governo: "Tocca ai partiti o al mio successore"

Il presidente accoglie il lavoro dei saggi senza nascondere i dubbi: "Ora serve la condivisione delle responsabilità di governo e di percorsi di riforma necessari"

Giorgio Napolitano

Giorgio Napolitano

Il lavoro dei saggi è terminato e Giorgio Napolitano si arrende: di più non poteva fare. Per la formazione di un governo passa la palla ai partiti. Oppure al suo successore. Venerdì mattina i gruppi di lavoro incaricati di trovare possibili linee di azione sui temi istituzionali ed economici hanno presentato le loro relazioni che faranno parte delle consegne che il Capo dello Stato darà al nuovo presidente della Repubblica. "La parola e le decisioni adesso toccano ai partiti e starà al mio successore trarne le conclusioni", ha detto Napolitano spiegando che il suo obiettivo è stato quello di "stimolare la ricerca di convergenza fra le forze politiche, favorire un clima costruttivo nel nuovo parlamento, suggerire forme praticabili - nel quadro segnato dai risultati elettorali - di condivisione delle responsabilità di governo e di percorsi di riforma necessari". Ma, di fatto, il Capo dello Stato alza bandiera bianca: quello che poteva provare a fare per questo governo è stato fatto, saggi compresi, e i risultati non ci sono. "Quello che trasmetto - ha aggiunto Napolitano - è dunque un testimone concreto e significativo". Poi il presidente della Repubblica ha nuovamente difeso la "tempistica" del suo lavoro, sottolineando che i due cicli di consultazioni sono stati avviati immediatamente dopo l’insediamento delle Camere, e quindi il computo dei giorni della crisi "non deve partire dal 24 febbraio, ma dal 19 marzo". 

Elogio ai saggi - I documenti, pubblicati anche sul sito del Quirinale, rappresentano per Napolitano il suo "contributo conclusivo, alla vigilia del compimento del mio mandato e della scelta del nuovo presidente". Secondo Re Giorgio quelli scritti dai dieci saggi sono punti in grado di "trovare una soluzione per il governo dopo le elezioni del 24 febbraio". "Le due relazioni - ha sottolineato Napolitano - valgono a porre più che mai al centro dell'attenzione delle forze politiche i problemi essenziali cui sono legati sia il soddisfacimento delle attese e dei bisogni più urgenti dei cittadini del paese, sia lo sviluppo futuro dell'Italia". Una seria considerazione "dei problemi da affrontare, delle situazioni critiche da superare, delle potenzialità da cogliere e mettere a frutto o stimolare la ricerca di convergenze tra le forze politiche puo' favorire un clima costruttivo nel nuovo Parlamento, suggerire forme praticabili di condivisione delle responsabilità di governo e dei percorsi di riforma necessari. Quel che trasmetto è dunque, credo, un testimone concreto e significativo", ha concluso Napolitano, uscendo, di fatto, di scena.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • sentinella f

    13 Aprile 2013 - 12:12

    come si può definire una lista "rosa" dove otre a essere plirimaschilista è contornata da rami secchi e con molti cose ombrose nel loro curriculum: prodi-euro, dalema-arcobaleno-...; Come si può scegliere in Toscana un elettore del presidente membro MPS?

    Report

    Rispondi

  • futuro libero

    13 Aprile 2013 - 12:12

    condivido quanto hai scritto.Silvio oggi deve agire altro che fare accordi con dei falsi ipocriti che alla prima occasione te la mettono in quel posto.Silvio reagisci e agisci con forza, non dare tregua o il popolo italianoè finito.

    Report

    Rispondi

  • colombinitullo

    13 Aprile 2013 - 09:09

    speriamo che sia l'ultima castroneria fatta e che te ne vada in fretta,molto in fretta.Di rimorsi nella tua lunga vita ne avrai avuti moltissimi ma l'ultimo, quello di averci rifilato il bidello vanesio(e pure pirla),sovrasta di gran lunga i 20000 ungheresi fatti fuori(con la tua approvazione). Grazie di cuore

    Report

    Rispondi

  • allianz

    13 Aprile 2013 - 01:01

    si è reso conto che non poteva fare niente per mettere d'accordo tutti quanti.Troppo litigiosi,troppo rancorosi e desiderose di imporsi sempre e comunque ed attuare la loro linea.Adesso se ne va dicendo"tanto tra un po viene eletto il mio successore...se la vedrà lui"Ci ha lasciato nella merda più nera senza un governo e senza il nuovo Presidente di questa repubblica dei cachi...Intanto,aspettando l'esito dei saggi la gente si accoppa.Lo strano di questa vicenda?Non ci sono bombe in giro.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog