Cerca

Il commento

Facci: sui soldi ai partiti i saggi vanno fuori di testa

Facci: sui soldi ai partiti i saggi vanno fuori di testa

di Filippo Facci

Saggi e arroganti, non c’è che dire. Nella loro relazione hanno scritto che «il finanziamento pubblico delle attività politiche costituisce un fattore ineliminabile»: anche se formalmente è già stato eliminato con il regolarissimo referendum del 1993. Dunque i saggi - domanda - avallano quell’aggiramento della norma che garantisce ai partiti molti più soldi di quelli spesi? No, il finanziamento «va distinto dal rimborso delle spese elettorali che deve essere documentato con rigorosi tetti di spesa». Quindi ci vogliono entrambi, sia finanziamento pubblico sia il rimborso pubblico: e perchè? «Per evitare che le ricchezze private possano condizionare impropriamente l’attività politica». 

Ricapitoliamo: 1) c’è stato un referendum, ma chi se ne frega; 2) ci teniamo la norma sui rimborsi purché documentati - e ci mancherebbe; 3) ci ri-aggiungiamo anche il finanziamento pubblico benché abrogato: una parte fissa - si legge - più un’altra proporzionata ai voti presi; a questi oltretutto vanno sommati i finanziamenti ai gruppi parlamentari, che sono un’altra cosa ancora; 4) dimenticavamo: c’è da fissare anche un tetto massimo di contributi dei privati, ai quali occorre assicurare «significativi sgravi fiscali»; altre forme di finanziamento volontario da parte di singoli cittadini - tipo il 4 per mille proposto da Bruno Tabacci - non vengono menzionate o prese in considerazione; 5) infine, siccome era poco: accesso gratuito a tot spazi televisivi e comodato gratuito per locali e spazi pubblici, ma questo non durante la campagna elettorale: sempre. 



Leggi il commento integrale di Filippo Facci
su Libero in edicola oggi, sabato 13 aprile

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • giovlone

    14 Aprile 2013 - 11:11

    la centralità della critica non è nei punti menzionati e disattesi dai saggi sull'incostituzionalità del finanziamento pubblico,di fatto sancita dai cittadini col referendum; il tema è la contrapposizione tra pubblico e privato e per questo, poiché è questo in generale il problema di fondo dell'Italia,andrebbe approfondito con decisione da quelle forze e voci che davvero hanno a cuore il cambiamento e non lo millantano strumentalmente. Nell'ultimo discorso Bersani ci ha chiarito ancora una volta come la finanza pubblica sia necessaria ai partiti "democratici" per contrapporsi allo strapotere finanziario del privato,che altrimenti li potrebbe spazzare via con superiorità di mezzi e strumenti. Ma come? La politica non dovrebbe vincere con le idee,la trasparenza,la passione,l'onestà..? i soldi che c'entrano? che possono diffondere i pensieri e divulgare e moltiplicare consensi attraverso quantità e presenze televisive?ma un'idea perdente più la diffondi e più resta tale.

    Report

    Rispondi

  • unliberopensatore

    14 Aprile 2013 - 00:12

    ai dieci "saggi" dei miei stivali dico col grande Totò: ma fatemi il piacere"!!!!!!!

    Report

    Rispondi

  • Libero Di Rino (LDR)

    13 Aprile 2013 - 23:11

    I saggi collegati ai partiti non potranno essere mai giusti e realisti. I politici sanno che gli italiani si sono scoglionati di sostenere i privilegiati politici e i loro affiliati nel pubblico impiego. Ciò che chiedono gli italiani è molto chiaro: riduzione dei politici, dimezzamento degli stipendi e pensioni d'oro,cancellazione delle province, privatizzazione degli Enti pubblici che servono a parcheggiare gli amici dei politici, totale eliminazione del finanziamento pubblico ai partiti, restituire la serenità ai cittadini e alle imprese eliminando e riducendo le tasse locali, regionali e statali. I SOLDI PER I BILANCI ANNUALI DEVONO ESSERE REPERITI ELIMINANDO GLI SPRECHI E I FURTI NELL'AMBITO DELLE VARIE AMMINISTRAZIONI.LA RAI DEV'ESSERE PRIVATIZZATA E LA SANITA' DEV'ESSERE LIBERATA DAI POTERI POLITICI DELLE REGIONI E RITORNARE AD ESSERE GESTITA DALLO STATO. RUBANO TROPPOOOO!!!!!!!

    Report

    Rispondi

  • encol

    13 Aprile 2013 - 14:02

    Ovvero saggi di facciata in realtà FASULLI. Tutto l'ambaradan costruito per salvare il PCI,PDS,DS,PD dal fallimento sicuro e garantito. Il PD se dovesse restituire tutti i soldi intascati indebitamente dal referendum in poi sarebbe BANCAROTTA perciò finito, inesistente. E' la stessa ragione per la quale tenta in ogni modo di formare un governo anche di minoranza per TOMBIZZARE la mega truffa del Monte Paschi/Anton Veneta. E' CHIARO???????

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog