Cerca

C'era una volta il Professore

Monti, resa totale: niente incarichi o nome nello statuto di Scelta civica. Ira su Casini

Offeso a morte dalle critiche del leader dell'Udc: "Mi implorava di fare il leader...". Moderati spaccati in due

Monti, resa totale: niente incarichi o nome nello statuto di Scelta civica. Ira su Casini

Senatore a vita e padre nobile, ma senza incarichi nel partito. Un discreto passo indietro, per chi doveva essere il punto di riferimento del nuovo centro, la chiave di volta di ogni possibile gioco parlamentare. E invece Mario Monti da quei giochi è rimasto completamente fuori: travolto dal flop della sua "Lista Monti" e di "Scelta civica", con alleati azzerati (Pierferdinando Casini e l'Udc al lumicino, Fli scomparsa e Gianfranco Fini fuori dal Palazzo) e una credibilità in caduta libera."Non mi sento un leader di partito, non è il mio mestiere", avrebbe confessato ai suoi fedelissimi conr riporta il Corriere della Sera

Fuga da Mario - E quindi? Quella del Professore sembra una resa totale: nessun incarico, niente più nome nello statuto e nemmeno nel simbolo di Scelta civica, quasi fosse (e in fondo forse lo è stato) un handicap per i moderati. Una decisione forse dettata anche da amarezza e stizza per le critiche piovutegli addosso nelle ultime settimane: non fosse bastato il magone per la bocciatura degli elettori, ci hanno pensato i suoi ministri a scaricarlo. Prima Giulio Terzi, che si è dimesso sul pasticcio del caso marò in aperta polemica con Palazzo Chigi, quindi anche il neo-piddino Fabrizio Barca ha preso le distanze ("Sono gli italiani a non volerci più"). Per non parlare dei partiti, che già prima del voto facevano a gara a chi la sparava più dura sul governo tecnico, quello delle tasse dei sacrifici. "Mi avevano chiamato in soccorso...", sospira il Prof, che ce l'ha anche con la protesta congiunta contro la crisi di Confindustria e sindacati ("squallidamente a braccetto, ma non indicano come uscirne, da questa crisi", li punge Monti).

La rabbia contro Casini - In sostanza, spiega Francesco Verderami, il povero Mario si è offeso a morte per l'intervista di Pieferdy Casini sul Corsera. Il leader Udc ha di fatto scaricato tutte le colpe su di lui. "Ma come? Mi implorarono di fare il capo della coalizione alle elezioni e adesso dicono di aver donato il sangue per me?", s'è arrabbiato Monti, che sarebbe rimasto "allibito" leggendo le accuse di Casini. Il prof non rinuncia a ricordare i successi del suo rigore: "Stiamo uscendo dalla procedura di deficit europeo, i conti pubblici sono in ordine...". Peccato che molti, anche nel suo partito, non lo apprezzino a sufficienza. Si sente il "capro espiatorio" e per questo farà un passo indietro. Il senso è: Vediamo cosa faranno da soli, Casini  e soci. Il problema. è che Scelta civica potrebbe perdere anche qualche fedelissimo del premier. Le voci di corridoio parlano di un movimento spaccato a metà: da una parte Andrea Riccardi, dall'altra ItaliaFutura di Luca Cordero di Montezemolo. Un altro che il suo nome l'ha tenuto volentieri fuori da statuti e simboli.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • seve

    15 Maggio 2013 - 06:06

    siamo noi i falliti spolpati derisi e derubati da questo furbo imbecille al servizio di chi ci tiene in ostaggio, siamo noi i falliti,bigoli.

    Report

    Rispondi

  • bosco43

    29 Aprile 2013 - 09:09

    ...a revocargli la carica ed a incriminarlo per i danni procurati???O ciabattone ,sveglia!!!!

    Report

    Rispondi

  • dionisio.attanasio

    27 Aprile 2013 - 19:07

    Sono contento, che il nuovo presidente del consiglio Letta (che io stimo e sono contento, si tratta di una persona equilibrata seria ,daltronde è come suo zio)che abbia lasciato fuori Monti, spero che abbia capito che la sua presenza, anche in parlamento non è per niente gradita,se vuole riscattarsi di tutte le fesserie che ha fatto, non gli resta che dimettersi, e tornare a fare il prfessore,lasci la politica non è il suo forte.

    Report

    Rispondi

  • Beppe.demilio

    15 Aprile 2013 - 05:05

    Il Sig. Napolitano ha voluto a tutti i costi Monti alla sua corte perché l'unico in grado di salvare l'Italia dalla grave crisi economica. Monti ha colpito duramente pensioni e pensionati oltre che riempirci solo di tasse. Monti d'accordo con Napolitano ha risparmiato i grandi evasori fiscali e seguita a dire un sacco di cretinate. Monti ha fallito e deve dimettersi anche da Senatore. Qualsiasi azienda seria se un suo dirigente fallisce viene licenziato. Perché Monti no? Fuori dalle balle che di mantenuti in Italia ne abbiamo troppi.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog