Cerca

Carroccio spaccato

Lega Nord, Tosi chiede 35 espulsioni. Botte e insulti tra i militanti

Lega Nord, Tosi chiede 35 espulsioni. Botte e insulti tra i militanti

Il caso Bossi per ora è chiuso, quello delle espulsioni è appena a perto. E la Lega Nord rischia l'esplosione. Il termometro di quanto sia grave la tensione nel Carroccio arriva dal Veneto e per la precisione da Padova, dove è in corso il Consiglio regionale del partito. Il segretario della Liga Veneta e sindaco di Verona Flavio Tosi ha proposto di cacciare 35 militanti tra i "ribelli" visti in azione a Pontida e quelli che hanno contestato il commissariamento deciso per alcune sedi in regione dopo il flop elettorale di febbraio. Una posizione condivisa dalla maggioranza del movimento ma osteggiata da molti militanti. E fuori dalla sede padovana si è scatenato il parapiglia, con insulti, spintoni e qualche schiaffo tra leghisti. I "ribelli" si sono stretti intorno al governatore Luca Zaia, da mesi in lotta con lo stesso Tosi e in polemica, anche se velata, con il segretario federale Roberto Maroni. "Vogliamo la lista Zaia, sei il migliore", lo hanno accolto centinaia di militanti veneti: "Spero che questa situazione - ha commentato Zaia - si risolva nella maniera migliore, facendo uscire una Lega compatta. I provvedimenti disciplinari non risolvono questo problema". Il maroniano Tosi, invece, è stato accolto da un gelido silenzio da parte dei dissidenti.

Maroni su Bossi - Un Carroccio spaccato, dunque, anche se sembra rientrata l'emergenza Bossi. Venerdì sera l'indiscrezione secondo cui il Senatùr avrebbe registrato da un notaio nome e simbolo di un suo partito è stata smentita dallo stesso Umberto Bossi, anche via telefono a Maroni. E Bobo l'indomani ha assicurato: "C'è una sola Lega per quanto mi riguarda, la Lega Nord, ha un progetto ben chiaro e definito". "C'è tanta gente nella Lega che ha voglia di fare, c'è qualcuno che ha voglia di disfare, pochissimi, e questi sono accompagnati fuori", ha spiegato riguardo ai "ribelli", mentre su Bossi il commento è lapidario: "E' una notizia falsa, smentita dal diretto interessato. E' una cosa che non c'è nella realtà, qualcuno l’ha inventata da Roma immagino". 

 

 

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • cavallotrotto

    14 Aprile 2013 - 12:12

    mi sembra che bossi sia come monti o peggio come bersani . faccia un piacere a tutti , se ne vada , ha avuto già abbastanza , suo figlio ha fatto il resto .se è vero che roma è ladrona , lei si è lasciato prendere la mano dai romani e ruba meglio e più di loro . anche se a molti non è piaciuta la raccolta dell'acqua , molto folkloristica , le adunate politiche in vari centri del nord hanno avuto il successo meritato . si è ammalato , si è curato all'estero , non si è accorto che il cervello è andato un poco altrove ? dica qualcosa di nuovo , o meglio , si riposi , si goda i soldi lei che può , e lasci maroni tranquillo .

    Report

    Rispondi

  • iltrota

    14 Aprile 2013 - 09:09

    Vedo che anche lei si nutre di sogni e di atti altrui disonesti !! Non è bastata la serie infinita di baggianate e atti criminali (secessione, la Padania, l' ampolla con l' acqua del Po, il trota alla Regione e l' altro figlio scemo che rubava soldi, i ministeri al Nord, miss Padania, Calderoli ministro, i diamanti di Belsito, la Tanzania) ?? No, ora si crede alla macro-regione-del-Nord, il tutto pilotato da un gruppetto di elettori pari al 4% circa. Aprite gli occhi...!!

    Report

    Rispondi

  • iltrota

    14 Aprile 2013 - 08:08

    Cari cornuti verdi, tenete da parte i forconi e un po' di schiaffi per il vostro amico Silvio! Vi siete accorti che si è già - nuovamente ! - candidato come PdC?!!!! Occhi aperti, l' ometto è meno credibile di voi...il che è tutto dire!!!

    Report

    Rispondi

  • larussa

    13 Aprile 2013 - 22:10

    fedeli a Maroni.Ormai è un repulist dei leghisti bossiani da parte dei leghisti che si richiamano a Maroni,dai vari posti che contano:candidature a sindaco,consigli vari di amministrazione.La sbandierata macroregione è una vuota parola d'ordine in grado di di attrarre adesioni e alla quale credono soltanto alcuni ingenui.Marcofaro lei ci crede?In ogni caso a che serve se già l'Italia è una microregione nello scacchiere mondiale?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog