Cerca

Il dopo Napolitano

Colle, tutte le possibili alleanze

Bersani in balìa delle correnti interne teme di non riuscire a blindare la rosa che presenterà al Cavaliere, fanno paura i franchi tiratori

Colle, tutte le possibili alleanze

 

di Franco Bechis

Forse nemmeno Pierluigi Bersani sa più a che gioco stia giocando. Non bastava il clamoroso flop durante l’incarico da esploratore che generosamente gli aveva affidato Giorgio Napolitano. Il segretario del Pd si è smarrito anche sulla via del Quirinale. Non sa più che pesci prendere, perché ne ha ascoltate troppe. Sente su di sé continue pressioni, interne al partito, nei colloqui con gli atri gruppi parlamentari, persino dall’esterno. Sembra ostaggio dei giochetti di Beppe Grillo, che se lo rigira fra le mani come un pupazzetto. Un’ora gli fa assaporare il gusto del grande accordo su Romano Prodi, un’ora dopo quell’intesa è già cenere. Troppe pressioni sul povero Bersani, che lunedì è sembrato smarrito anche ad Andrea Olivero, il coordinatore di Scelta civica che di fatto in queste ore sta facendo il pontiere fra Pd e Pdl. «Cosa vuole Berlusconi?», ha sospirato con lui il povero Bersani, «e chi lo sa? Giuliano Amato? Sinceramente ho trovato il centrodestra freddino su Amato».  Annotazione che ieri è già filtrata nelle fila dei gruppi parlamentari e tradotta in un assai più netto: «Il Cavaliere non vuole Amato. Punta su Romano Prodi, perché così litigherebbero tutti e si andrebbe immediatamente al voto, che è l’ipotesi più accarezzata da Berlusconi». Non è così, e semmai è vero il contrario: con i suoi Berlusconi non fa che parlare bene di Amato. I problemi nel centrodestra su quella candidatura nascono semmai dalla Lega e in parte da Fratelli d’Italia. Però il povero Bersani oggi oscilla anche per un piccolo spiffero, figurarsi cosa provoca in lui la ridda di voci e maldicenze che filtra dal Palazzo. 

Come non bastassero quelle voci e gli interventi a gamba tesa all’interno stesso del Pd (Matteo Renzi vs Franco Marini e Anna Finocchiaro, Dario Franceschini vs Bersani e lo stesso Renzi, Walter Veltroni che gioca una partita in proprio), sul Pd spingono anche le lobby esterne. Una tradizionale, quella del partito radical-azionista che fa riferimento al quotidiano Repubblica, e che nelle ultime ore ha scelto nel cilindro di Bersani la candidatura di Sabino Cassese, attuale giudice della Corte Costituzionale. Quel nome non dispiace a Veltroni, che da giorni vaticina «scelte a sorpresa». e Massimo D’Alema». Tutti e tre sono coperti su questo fronte, e nelle ultime settimane hanno aumentato con viaggi e incontri personali quel gradimento. 

Leggi l'approfondimento di Franco Bechis 
su Libero in edicola oggi, mercoledì 17 aprile 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • simonetta.piangerelli

    17 Aprile 2013 - 14:02

    Prodi? Chi ci ha portato nell'euro e non ha poi controllato i furti legalizzati con il cambio di moneta ? Mi meraviglio di coloro che vogliono rottamare e poi lo vorrebbero come presidente. Amato? Che distribuisca i suoi già lauti compensi al popolo affamato.

    Report

    Rispondi

  • raucher

    17 Aprile 2013 - 13:01

    Tempo addietro Grillo propose Di Pietro per il Colle. Ora il m5s propone il nome della Gabanelli. Al trattorista è venuta l'itterizia.

    Report

    Rispondi

  • gioch

    17 Aprile 2013 - 12:12

    Tocca al popolo vero fare la guerra a questi politici.Camusso non vuol danneggiare i suoi,Napolitano compreso;Angeletti va a ruota;Bonanni non ha ancora ricevuto gli ordini da Riccardi e LCdM(A LUI PIACCIONO LE CONVENTIONS DEL CENTRO).La piazza li seppellirà.SPERO.

    Report

    Rispondi

  • pinux3

    17 Aprile 2013 - 10:10

    Altrimenti ci ritroveremmo "topolino" Amato eletto subito, con i voti determinanti di Silvio...Così invece si finirà per andare alla quarta votazione (dove basta la maggioranza semplice) e Silvietto vostro rimarrà completamente tagliato fuori...

    Report

    Rispondi

blog