Cerca

Scenario da incubo

Tutti i misteri sulle Quirinarie di Grillo

Altro che trasparenza: Beppe non ha nemmeno pubblicato i risultati delle Quirinarie. Gabanelli, Rodotà, Strada, Prodi: quanti voti hanno preso? Mistero

Beppe Grillo e Pier Luigi Bersani

La "fusion" Bersani-Grillo

Il prossimo presidente della Repubblica potrebbe sedere al Colle con un consenso di 48mila elettori. Sarebbe il risultato di uno scellerato accordo tra Pd e M5s. E' nota la predilizione di Pierluigi Bersani per un accordo con i grillini piuttosto che con il Pdl. E dopo mesi di stallo istituzionale, proprio ieri è arrivata la prima vera apertura di Beppe Grillo al segretario Bersani: vota il nostro candidato e potrebbe essere l'inizio di una futura collaborazione, è stato in sintesi il ragionamento alla base della proposta del comico genovese. 

Un presidente scelto da 48mila persone - Poco più che una provocazione a cui però il Pd potrebbe abboccare. Escludendo Milena Gabanelli, che pare sia propensa a rinunciare, di fatti il vero candidato del M5s sarebbe Stefano Rodotà, nome che molti a Largo del Nazareno sarebbero pronti a votare.Un assurdo politico, un insulto alla democrazia, se è vero che il Capo dello Stato deve essere rappresentativo di tutti gli italiani, nonché il custode dell'unità nazionale e i garante della costituzione. Il nome di Rodotà, infatti, è il risultato delle Quirinarie, di cui si sa solamente, come detto, che hanno votato circa 48mila persone e cioè un millesimo dei cittadini italiani aventi diritto al voto. 

Quanti voti hanno preso i candidati?  - Dopodiché, sempre in nome della sempre invocata trasparenza, Grillo non ha diffuso nessun altro tipo di cifra: quanti voti ha preso la Gabanelli? E Rodotà? E tutti gli altri? Non si sa. Mistero. Rodotà al Quirianale rappresenterebbe inoltre un sonoro vaffa alla democrazia diretta, con cui il guru dei Cinque stelle si pavoneggia aizzando le folle durante i suoi comizi: eleggendolo al Colle, in un solo colpo verrebbero fatti fuori tutti quegli elettori che hanno votato gli altri partiti non di sinistra nella prospettiva di poter essere rappresentati nella scelta del prossimo inquilino del Quirinale. Non proprio il massimo, in un momento politico e sociale così delicato.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • noncirestachepiangere

    18 Aprile 2013 - 12:12

    Rassegnamoci: fede è credere in ciò che non si vede scevro da spiegazioni razionali e prove empiriche . Per questo la commistione tra fede e politica è sempre stata vivamente sconsigliata .... e questi sono i Parabolani del Parlamento . Auguriamoci di limitarci a sghignazzare dei loro atti di fede nel Pa(ra)guru, e senza che mai ci impongano una stagione di autodafè.

    Report

    Rispondi

  • mariano1963

    18 Aprile 2013 - 09:09

    Qualcuno potrebbe dire ai grillini che non e' obbligatorio masticare chewing gum!... grazie!

    Report

    Rispondi

  • LapuLapu

    17 Aprile 2013 - 20:08

    Chi ha controllato i risultati? Bisogna fidarsi dei guru? E' come se alle elezioni politiche anzichè esserci i presidenti di seggio e gli scrutatori che certificano scheda per scheda, i voti fossero invece controllati da due tizi di cui tutti devono fidarsi. E non si dica che questa è la modernità. Piuttosto la chiamerei opacità.

    Report

    Rispondi

blog