Cerca

Il pallottoliere

Quirinale, Marini ritira la candidatura

Pier Luigi Bersani e Franco Marini

Bersani e Marini

Franco Marini alla fine si è arreso. Ha ritirato la sua candidatura. "E' cambiata la strategia, è saltato il dialogo col centrodestra". Giovedì 17 aprile è  stata una giornata difficile per l'ex sindacalista terminata la prima votazione. Arriva il primo verdetto su Franco Marini: non la spunta nella corsa al Colle. Pier Luigi Bersani si gioca tutto e perde clamorosamente. Ancora una volta. Con il "lupo marsicano" ha spaccato il Partito democratico e si è schiantato contro un muro: la "grande sorpresa" viene sonoramente bocciata al primo turno. Le ultime inidscrezioni prima del voto davano possibile l'elezione alla prima botta. Ma il fatto che Marini non l'avrebbe spuntata era chiaro sin dalle prime schede: viaggiava intorno al 50% di consensi, ben lontano dalla quota necessaria.  Alla fine ha raccolto 521 voti: 151 voti in meno del necessario. Si tratta di 321 in meno di quelli di cui, teoricamente, dispongono Pd e Pdl. Se da questo 321 ci togliamo i voti contrari (messi in preventivo) di Sel e Renzi, restano comunqe 229 voti in dissenso rispetto alla linea proposta. Ci sono insomma oltre 200 franchi tiratori: cifre mostruose che archiviano Marini e soprattutto Bersani. 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Baronedel Carretto

    19 Aprile 2013 - 11:11

    Mi chiedo: ma cosa ci stanno a fare i cattolici dentro il PD? Le risposte sono tre: 1) per prendere poltrone 2) perchè sono subdotati intellettualmente 3) perchè amano le arti sadomaso.

    Report

    Rispondi

  • Borgofosco

    19 Aprile 2013 - 10:10

    A Franco Marini, uomo della montagna e persona di rara onestà intellettuale, va il mio profondo rammarico. L'abruzzese tosto, dal perenne toscano in bocca, fondatore di un partito che di democratico ha soltanto il nome, è stato 'ucciso' immolato sull'altare dell'antiberlusconismo. Un fatto grave. Una vera dichiarazione di guerra che viene da incoscienti totalmente incapaci: i nuovi eletti del PD. Del resto un nome che evoca due qualità: Franco= Libero oppure Francesco(simbolo religioso d'Italia) non poteva essere cooptato da 'infami' che hanno utilizzato il suo Nome per proporre lo scempio che sarà sinonimo di 'guerra civile'.Saluto con deferenza il vecchio alpino, il 'lupo marsicano' che nessuno riesce e riuscirà mai ad estinguere!

    Report

    Rispondi

  • Verifiability

    18 Aprile 2013 - 19:07

    al momento si chiama berlusconi silvio. Bersani può permettersi di perdere, per il biscazziere è un'altra faccenda: o dite che saranno altrettanto preoccupati se non passa un qualsivoglia mezzo uomo di nome Salva Condotto?

    Report

    Rispondi

  • kIOWA

    18 Aprile 2013 - 17:05

    oramai i danni causati dal crak,sono irreversibili.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog