Cerca

Il suicidio perfetto

Pd, la rivolta contro Bersani corre su Facebook: "Dimettiti", "Vergogna", "Ho bruciato la tessera"

Un utente scrive: "Hai lo spessore politico di un foglio A4". Tutti invitano il segretario a fare le valigie

Pier Luigi Bersani

Tutti i dubbi di Bersani

Partito allo sbaraglio diviso in mille fazioni, tessere bruciate fuori dal Parlamento, cori da stadio al grido di "dimettetevi": la prima votazione per il presidente della Repubblica è stato un bagno di sangue per il Pd. Il suicidio politico perfetto di Pierluigi Bersani. Ma la rivolta contro il segretario corre anche e soprattutto su Facebook. La sua pagina personale è stata presa di mira da una valanga d'insulti. Tutti, ma proprio tutti, vogliono la testa del segretario. 

La rivolta su facebook - Antonio scrive: "Sto bruciando la tessera". Vittorio invece invoca "dimissioni subito". Uno dei commenti più votati è quello di Gianluca, che con amara ironia scrive: "Bersani, lascia perdere. Hai lo spessore politico di un foglio A4, la presidenza del consiglio non è roba per te. Finora non ne hai azzeccata una, a partire dall'appoggio al governo di quella manica di sanguisughe incompetenti di Monti &c. Dì ai tuoi di votare Rodotà e poi dimettiti da segretario: sarebbe l' unica cosa giusta di tutta la tua vita". C'è poi, immancabile, chi tira in ballo il Cav, accusando Bersani d'intelligenza col nemico. Scrive Rosa: "VERGOGNA!!! Vi ho ancora votati turandomi il naso alle ultime elezioni, ma oggi avete toccato il fondo. Non accetteremo mai nessun tipo di inciucio con il caimano". Lo stato d'animo degli elettori del Pd si può riassumere in due parole, le più usate all'indirizzo del segretario Bersani:"Vergogna" e "dimissioni".

Anche Twitter prende in giro Bersani - "2013 Odissea nell'ospizio", "Bersani contro Bersani", "I predatori dell'Aula Perduta" e "Che fine ha fatto Marin Jane". Questi sono solo alcuni dei tweet che stanno facendo impazzire la rete. Dopo la fumata nera per Franco Marini, le proteste degli elettori del Pd fuori da Montecitorio, gli insulti su facebook, e la petizione online pro-Rodotà, il partito guidato da Pier Luigi Bersani adesso è al centro di una serie di sfottò su Twitter.  I nomi delle pellicole più famose vengono storpiati e si trasformano goliardicamente in #CinePd, questo infatti l'hashtag che sta facendo ridere cinefili e non.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • antonioarezzo

    19 Aprile 2013 - 09:09

    questa manica di coglioni che votano ancora pd si rendono conto che schifo di partito, di politici, di dirigenti, di pagliacci che si ritrovano ??? sono davvero una macchietta, dall'ultimo elettore a quel ridicolo segretario... e vorremmo mettere l'Italia in mano ad un partito di pagliacci cosi' ??? adesso riesumano il mortadella....qui davvero scoppia una guerra civile.....che schifo.

    Report

    Rispondi

  • raucher

    19 Aprile 2013 - 00:12

    prendetevela con voi stessi , ve lo siete scelto voi con le primarie o sbaglio?Adesso vi ribellate? Fate piuttosto una sana autocritica.

    Report

    Rispondi

  • Beauty

    18 Aprile 2013 - 18:06

    me il modo più veloce, anche se dolorosissimo, di togliere di mezzo Piddini e Grillini è quello di lasciarli fare.

    Report

    Rispondi

  • paolo44

    18 Aprile 2013 - 17:05

    Sulla pelle del Paese, che ha subito un'altra botta da questa manfrina presidenziale. Come sempre la sinistra porta i paesi dove vince alla distruzione. E, cari grillini per caso, è tardi per piangere sui propri devastanti errori.

    Report

    Rispondi

blog