Cerca

In Translatantico

M5S: il nostro candidato resta Rodotà
Prodi solo se lui si ritira

I grillini insistono sul nome dell'ex garante della Privacy: è il nome migliore

Beppe Grillo

 

Romano Prodi è sempre stato nella rosa dei nomi dei grillini, ma il Movimento 5 Stelle non cambia il suo cavallo. Alessandro Di Battista, voce storica del   Movimento, si ferma a parlare a lungo con Marianna Madia e altri  giovani parlamentari dem. Tiene il punto con fermezza. "Ma non la   sentite la piazza? - chiede - Ieri qui fuori erano in 500, io spero   che oggi ne arriveranno 5.000 così magari cambiate idea. E comunque   io del Pd non mi fido. Se prima diffidavo, ora la fiducia ha   oltrepassato la soglia dello zero".  E ancora:  "Rodotà non è espressione del M5S - sottolinea Vincenzo Caso,   giovane deputato grillino - chiediamo al Pd di pensarci, potrebbe   essere quel Presidente di garanzia voluto dalla gente". "Il Pd -   incalza Marco Scibona, il senatore no Tav del Movimento - antepone il   proprio interesse ai cittadini, noi anteponiamo il volere dei   cittadini". Quando in transatlantico, accanto al nome di Romano Prodi,  inizia a delinearsi un’opzione Cancellieri, i deputati grillini   Adriano Zaccagnini e Giulia Sarti hanno uno scatto d’ira: "Ma   scherziamo? Cercano di metterci con le spalle al muro un’altra volta,   vedi Grasso-Schifani. Noi abbiamo il candidato migliore, non   arretriamo di un passo".

La scelta di Stefano - La linea ufficiale è sempre la stessa, spazio agli altri  candidati solo se Rodotà decidesse di fare un passo indietro. "Ma poi  ci sarebbero Zagrebelsky, Imposimato e tutti gli altri nella rosa -   sottolinea Scibona - la strada prima di arrivare a Prodi è lunga,   troppo lunga". Eppure qualche voce isolata tra i grillini guarda con   favore all’ex premier. "Io sono sempre per il male minore", ammette un  parlamentare 5 Stelle che raccomanda di mantenere il riserbo. "Bisogna  offrire una sponda al Pd - sottolinea - tra le terza e la quarta   chiama ci riuniremo un’altra volta, magari cambia qualcosa. Magari".Se il Pd voteràRodotà per il Colle «si apriranno praterie» per il Governo. Questa la linea di M5s portata dai capigruppo Vito Crimi e Roberta Lombardi all'assemblea dei parlamentari. «È il presidente dei cittadini e non dei partiti». Per cui qualunque nome indicherà Rodotà per formare un nuovo esecutivo, una volta presidente, «a noi andrà bene». 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • alejob

    20 Aprile 2013 - 12:12

    la rete non sapeva nemmeno che tu esistessi prima che il Grillo parlante ti avesse nominato. Non è un giurista che il paese ha bisogno per presidente. Di giustizialisti in questo paese ne abbiamo troppi e non ne vogliamo anche uno che ci rappresenti nel mondo.

    Report

    Rispondi

  • INCAZZATONERO69

    19 Aprile 2013 - 19:07

    Thò...chi si rivede, il professorino dè stò par de palle...

    Report

    Rispondi

  • INCAZZATONERO69

    19 Aprile 2013 - 19:07

    Thò...chi si rivede, il professorino dè stò par de palle...

    Report

    Rispondi

  • INCAZZATONERO69

    19 Aprile 2013 - 19:07

    Thò...chi si rivede, il professorino dè stò par de palle...

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog