Cerca

L'inchiesta

Piemonte, inchiesta sulle spese pazze
indagato Cota che si difende:
"Ho già chiarito tutto"

Il governatore ha già chiarito la sua posizione ai pm. Gli inquirenti contestano spese per briglie di cavallo e sottofiletto

Roberto Cota, governatore del Piemonte

 

"La Procura di Torino nell’ambito  dell’indagine sulle spese dei Gruppi Consiliari Regionali avviata lo scorso settembre 2012, mi ha inviato un avviso di garanzia   contestandomi alcune spese relative alla mia attività politica di   Consigliere Regionale. Mi sono già recato spontaneamente dai Pubblici  Ministeri per chiarire la mia posizione e sarò in qualsiasi momento a  loro totale disposizione per ulteriori necessità". Così il   governatore del Piemonte, Roberto Cota risponde alla notizia dell'iscrizione nel registro degli indagati.  "Ho sempre sostenuto in proprio la maggior parte delle spese per  lo svolgimento dell’attività Politica - precisa - ho utilizzato   risorse del Gruppo Regionale per importi irrisori e nel rispetto di   prassi consolidate, riducendo al minimo ogni esborso di denaro  pubblico. La mia segreteria ha applicato ed interpretato una legge che  esiste da decenni. Sono stato tra i promotori della nuova e attuale   normativa introdotta in Piemonte che ha praticamente azzerato i   finanziamenti ai Gruppi Regionali e disposto una drastica riduzione   dei costi della politica. "Non un solo euro - conclude - è finito sul mio conto corrente,  ed in questo senso la Procura non ha mosso alcuna contestazione.   Confido che la mia posizione verrà chiarita e sarà accertata la mia   totale buona fede. La Regione versa in un momento difficile, è mio   dovere restare ed affrontare con senso di responsabilità   istituzionale questo momentodi grande disagio sociale”.

Spese pazze - Le briglie del cavallo, i pneumatici per l’auto, borse griffate e gioielli, ma anche panettoni e champagne, oltre a un sottofiletto, e a un vassoio d’argento come regalo di nozze: sono alcune delle "spese pazze" finite sotto la lente di ingrandimento dei pm torinesi che indagano sui rimborsi spese dei gruppi del Consiglio regionale del Piemonte. Molti i rimborsi per pranzi al ristorante e trasporti, tra questi ultimi anche dei buoni benzina per andare alla manifestazioni No Tav. I magistrati nei prossimi giorni sentiranno tutti i 52 indagati coinvolti cui chiederanno contro delle spese, in taluni casi evidentemente personali, in altri generiche e quindi da valutare caso per caso. Ammonta a circa 900mila euro il   totale dei rimborsi dei consiglieri regionali del Piemonte tra il   maggio 2010 e il settembre 2012 sotto la lente di ingrandimento della   Procura di Torino che oggi ha inviato 52 avvisi di garanzia. L’ipotesi  di reato che va per la maggiore è il peculato ma ci sono anche  episodi in cui viene contestato il finanziamento illecito ai partiti e  la truffa. Secondo indiscrezioni non sarebbero toccati dall’inchiesta   solo sette singoli consiglieri ma coinvolti tutti i gruppi. Tra gli indagati nell’inchiesta sui rimborsi dei gruppi del Consiglio regionale del Piemonte, ci sono anche i due ex consiglieri, oggi parlamentari del Pd, Stefano Lepri e Mino Taricco. Non hanno ricevuto oggi l’avviso di garanzia perchè si trovano a Roma per l’elezione del presidente della Repubblica. Lo riceveranno lunedì. 

Coinvolto anche il M5s - Un inchiesta che ha colpito tutti i partiti, insomma, persino il M5s: tra gli indagati figurano infatti i due grillini Davide Bono a Fabrizio Biolè (uscito poi polemicamente dal gruppo ed entrato ora nel gruppo misto). Ai due viene contestato il reato di peculato: avrebbero usato i buoni benzina per partecipare alle contestazioni contro la Tav in Val di Susa.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • nick1990

    20 Aprile 2013 - 14:02

    scusa sirjoe, e per blues188, che fino all'altro ieri mangiavano cipolla.

    Report

    Rispondi

  • nick1990

    20 Aprile 2013 - 12:12

    sirjoe, fino all'altro giorno mangiavi cipolla, altro che pizza.

    Report

    Rispondi

  • nick1990

    20 Aprile 2013 - 12:12

    sirjoe, fino all'altro giorno mangiavi cipolla, altro che pizza.

    Report

    Rispondi

  • blues188

    20 Aprile 2013 - 10:10

    ha parlato Ficone e Picarra.. ma va a ballare con nick1990, va

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog