Cerca

Le paure dell'ex premier

Computer hackerato, segreti rivelati. Le voci: quella scoperta su Renzi

4
Computer hackerato, segreti rivelati. Le voci: quella scoperta su Renzi

La verità sullo spionaggio ai danni di Matteo Renzi emergerà solo quando i magistrati italiani potranno accedere ai dati sui server degli Stati Uniti. Il sospetto che però l'ex premier sia stato spiato per almeno 96 giorni è più che fondato, così come è forte il timore che comunicazioni riservate e informazioni delicate per la sicurezza nazionale siano finite nelle mani dei fratelli Occhionero, grazie al loro sistema di spionaggio Eye Pyramid.

Il nome di Renzi compare nell'elenco di Giulio Occhionero con la data del 30 giugno 2017 alle 7:08, quando c'è stato l'ultimo tentativo di infettare il suo dispositivo, come ha riportato Repubblica. Nella casella di posta dell'ex premier è arrivata un'email da [email protected] con un allegato in Pdf. All'interno di quel file c'era il malware che ha permesso agli Occhionero di ficcare il naso in migliaia di utenze.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • dom67

    11 Gennaio 2017 - 23:11

    Renzi non può aver paura dell'hackeraggio, perché ha rappresentato il nulla assoluto. Quindi può star tranquillo

    Report

    Rispondi

  • arwen

    11 Gennaio 2017 - 18:06

    Ma chi è il responsabile della sicurezza? Topolino? Cadrà quanlche testa? E il ministro degli interni che fa? Può essere che in Italia nn c'è mai nessuno che paga?

    Report

    Rispondi

  • eden

    11 Gennaio 2017 - 17:05

    Chi se ne frega se hanno spiato Renzi, tanto è un narcisista che ha fatto solo cazzate è detto bugie, quindi è anche capace di vantarsi se lo hanno spiato.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media