Cerca

Scoppia la guerra

Il "segretario" Barca piccona il Pd:
"Dobbiamo votare Rodotà e Bonino"

Il ministro è pronto a prendersi il partito, ma già comincia distruggerlo. Non vuole il bis di Napolitano e prova a spaccare i democratici. Il "nuovo inizio" del Pd è già finito

Fabrizio Barca
Fabrizio Barca, il ministro che da qualche giorno ha preso lessera del Pd e che da tutti viene accredidato per la successione di Pier Luigi Bersani, non accetta l'idea di un Napolitano-bis. "Incomprensibile che il Pd non appoggi Stefano Rodota' o non proponga Emma Bonino". Una voce fuori dal coro che in pratica fa capire quanto il Pd sia diviso e distrutto al suo interno. L'Assemblea dei democratici ha accettato la ricandidatura di Napolitano tra gli applausi. Gli stessi che avevano incoronato il nome di Romano Prodi per il Colle, salvo poi farlo impallinare dai franchi tiratori. Così ora i democratici si preparano a far fuori pure Napolitano. Saranno 4 gli astenuti tra le truppe democratiche che dovranno votare per Giorgio Napolitano. Poi ci sarà un voto contrario, quello di Corradino Mineo che non vuole un Re Giorgio-bis. Le parole di Barca segnano un'ulteriore ferita nel corpo già strazziato del Pd. Con Bersani dimissionario, Barca prova a prendere in mano il partito e con la tradizione che accompagna la sinistra da decenni si impegna subito a picconare la sua casa. A questo punto già il Pd del futuro non esiste più. Il segretario in pectore già detta la linea e sconfessa l'apertura per Napolitano. La confusione e la mancanza di leadership stanno affondando i democratici. Eppure Barca era uno dei ministri "tecnici" più stimati da Re Giorgio. Ma quella ormai è un'altra storia...(I.S.)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • maxgarbo

    21 Aprile 2013 - 11:11

    può resuscitare Ingroia, fare un'ammucchiata di sinistra da rottamare sul nascere!

    Report

    Rispondi

  • maxgarbo

    20 Aprile 2013 - 16:04

    di Bersani. Non male questo Pd.

    Report

    Rispondi

  • Uchianghier

    Uchianghier

    20 Aprile 2013 - 16:04

    Con questo ministro tecnico ci troviamo ancora di più nella mer inga.

    Report

    Rispondi

  • micael44

    20 Aprile 2013 - 16:04

    Chissà perché Renzi non lo vuole proprio nessuno, nemmeno gli pseudo "nuovi" comunisti!! Non sarà perché Renzi ha idee molto vicine a quelle berlusconiane? Forse il "rischio" di "compromesso storico" tra Berlusconi e Renzi fa paura alla vecchia guardia che vede male una definitiva pacificazione nazionale? Forse chi odia fa fatica a smettere fregandosene del bene del Paese pur di continuare a coltivare i propri spettri?! Io sogno un perfetto bipolarismo tra il PDL di Berlusconi ed il PD di Renzi, con governi di alternanza con programmi condivisi, che mettano alle strette la si.ra Merkel ed i suoi accoliti!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog