Cerca

Verso le larghe intese

Oggi Napolitano giura:
ecco il toto-governo

Giuliano Amato visto da Benny

Oggi, lunedì 22 aprile, alle 16 e 45, il Presidente della Repubblica farà il suo discorso di insediamento alla Camera, i tempi saranno (per l'emergenza in cui si trova il nostro Paese) strettissimi e così entro mercoledì dovrebbe già esserci la nuova squadra di governo. In questi giorni impazza il toto-ministri con Giuliano Amato  (osteggiato dalla Lega) ed Enrico Letta (su cui Rosi Bindi e Matteo Orfini hanno già espresso il loto veto). Si fa il nome di Angelino Alfano come vicepremier. Il premier uscente Mario Monti è in corsa per la Farnesiana, mentre il ministro dell'interno uscente Annamaria Cancellieri potrebbe essere confermata al suo posto. Gaetano Quagliariello è in corsa per le Riforme.

Rebus Economia -  la strategica casella dell'Economica Giorgio Napolitano starebbe pensando, al direttore generale della Banca d'italia, Fabrizio Saccomanni oppure il saggio Salvatore Rossi, membro del direttivo di via Nazionale. Ma resta anche l'ipotesi, per garantire continuità e per assicurare  ai mercati la quadratura dei conti publbici, della permanenza di Vittorio Grilli. Come suo vice è accreditato il leghista Giancarlo Giorgetti della Lega, uno dei dieci saggi. In generale, pare che l'ossatura della squadra tecnico-politico sarebbe composta da molti dei deici saggi che hanno redatto le proposte bipartisan per Napolitano. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • nicobra

    24 Aprile 2013 - 03:03

    Raccolti attorno ad un tavolo ormai battono le mani chiamando le anime dei morti : ed ecco che ti appare Amato ! Il topo volante .. plurincaricato, pluripensionato ..pluristipendiato ...Il classico " autorevole " politico italiano , come Prodi , Rodotà ed altri ...ma non sarà che per questi straordinari cervelli il Paese è finito nella m. ?

    Report

    Rispondi

  • Angizia

    23 Aprile 2013 - 07:07

    E' stato molto triste che la montagna del rinnovamento abbia espresso il topolino della gerontocrazia, che poi esprime un discorso assurdo. Napolitano è l'espressione di quella politica che prende a schiaffi, un uomo mai uscito dalle Istituzioni, mai ha avuto un lavoro se non sotto le coltri della politica e dei suoi privilegi. Un Presidente che faceva il pizzetto sui voli aerei come europarlamentare, si fa oggi espressione della democratura. Nel suo discorso non ha rassicurato i cittadini, ma solo le cancellerie estere su una politica europea, forte di inciucio, sul finanziamento alle forze armate (F-35 ? ), insomma l'espressione di quell'Ordine Mondiale, che tanti danni ha fatto fino ad ora. Triste vedere plaudenti ed idioti tutti i parlamentari, che dietro quell'applauso avevano l'ideologia di salvare il proprio deretan.

    Report

    Rispondi

  • miacis

    22 Aprile 2013 - 17:05

    Come si fa a volere il bene del paese e pensare a nominativi quali Amato e Monti per me anche Giorgio uno di loro!

    Report

    Rispondi

  • libero

    22 Aprile 2013 - 14:02

    se questo e' cio' che passa il convento:nulla di nuovo sotto il sole;si fara'un piccolo ritocco qui ed un altro la',tanto per gettare un po' di fumo negli occhi e spacciare per riforme importanti cio' che nella realta' sara' il solito pannicello caldo e dopo il piccolo sasso nello stagno,tutto ritornera' allo stato precedente.Questo e' un paese dove si sono incancreniti decenni di partitocrazia sindacale,confindustriale,lobbistica e burocratica i9 cui privilegi non verranno mai meno se non attraverso una rivolta popolare violenta.Grillo ha ragione nel dire che dopo di lui,ci saranno i forconi ma la ''classe'' politica,pare sorda,cieca ed incosciente,incapace di scorgersi di cio' che si sta addensando sul suo capo.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog