Cerca

Elezioni regionali

Friuli, Debora Serracchiani Presidente

La candidata del Pd vince con meno di mezzo punto percentuale di distacco da Renzo Tondo. Staccato il M5S: solo 19,21%

Friuli, Debora Serracchiani Presidente

Debora Serracchiani

di Matteo Legnani

Per duemila voti il Nord Italia non si conferma interamente nelle mani del centrodestra. Tante, infatti, sono le preferenze che al termine dello scrutinio delle elezioni regionali in Friuli venezia Giulia hanno separato la candidata del Pd Debora Serracchiani dal governatore uscente Renzo Tondo. L'ex astro nascente dei democratici ha chiuso con 211.508 voti, per il 39,39% contro i 209.442 voti per il 39% dell'esponente Pd. Quella di Tondo, che fino a metà scrutinio era indietro di 5 punti percentuali, è stata una rimonta travolgente, seppur insufficiente. Staccatissimo il candidato del Movimento 5 stelle, Saverio Galluccio, che si è fermato a 103.133 voti, il 19,21%. La coalizione che ha sostenuto Debora Serracchiani ottiene quindi 26 seggi in consiglio regionale contro i 15 di Renzo Tondo e i 6 del Movimento Cinque Stelle.

Tondo ha telefonato alla Serracchiani per congratularsi della vittoria e sembra dunque improbabile, da parte del centrodestra, una richiesta di riconteggio dei voti visto il risicatissimo margine tra i due candidati. Completamente ribaltati i risultati a livello di schieramenti politici, col centrodestra che ha portato a casa il 45,1% delle preferenze contro il 39% del centrosinistra. I grillini si sono fermati al 13,7%. Più che al Pd e ai suoi alleati, la Serracchiani deve dunque la vittoria a se stessa, grazie alla possibilità del voto disgiunto che l'ha premiata. A livello di singoli partiti, comunque, il Pd si è imposto come la prima forza politica con il 26,8% dei voti seguito dal Pdl col 20% e dai 5 stelle col 13,7. Alla Lega solo l'8,2%. Bassissima l'affluenza, con appena il 50,48% degli aventi diritto che si è recato alle urne.

Nata a Roma, 43 anni, la Serracchiani vive a Udine e nel capoluogo friulano ha fatto la carriera politica da consigliera provinciale, fino ad arrivare nel 2009 ad essere eletta al parlamento europeo. Dal 2008 è segretaria del Partito democratico di Udine.

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ivrea

    23 Aprile 2013 - 11:11

    Se eleggono una Serracchiani, significa aver perso completamente identità.

    Report

    Rispondi

  • gregio52

    23 Aprile 2013 - 11:11

    La gente ha capito come in certi ambienti si ruba bene fregandosene del prossimo e chi sbaglia paga. Direi cha hanno vinto gli astensionisti il resto è un surrogato. Suggerirei ai politici di cambiare o saranno sempre più una classe in estinzione.

    Report

    Rispondi

  • lande

    23 Aprile 2013 - 10:10

    Che delusioni i Friulani. Proprio loro così fieri della loro identità che vanno ad eleggere una ragazzotta meridionale, e pure romana.

    Report

    Rispondi

  • plaunad

    23 Aprile 2013 - 10:10

    Certi che i sinistri (o....sinistrati) sono proprio strani. Strillavano come matti perché Berlusconi mandava al Governo delle squinzie gnoccolone e poi ne vanno ad eleggere una proprio loro.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog