Cerca

Gufo a cinque stelle

M5s, Grillo al Bild: "L'Italia sarà in bancarotta in autunno"

Seduto davanti al piano forte il comico genovese spiega: "Le piccole e medie imprese falliscono e il governo a settembre non avrà soldi per pagare stipendi e pensioni"

M5s, Grillo al Bild: "L'Italia sarà in bancarotta in autunno"

"L'italia in autunno è in banacarotta". Lo canta e lo suona, lettarlamente, Beppe Grillo, che si fa intervistare dal quotidiano tedesco Bild seduto al pianoforte. Non che siano una novità le sparate del leader del M5s. Ma alzare i toni in questo momento di apparente conciliazione nazionale è necessario a Grillo per la propria sopravvivenza. Già conclusa, dopo appena due mesi, la stagione dell'entusiasmo, politicamente sepolto il filo-grillino Pierluigi Bersani, la bolla del M5s si sta già sgonfiando: le elezioni friuliane di ieri, lunedì 22 aprile, ne sono la dimostrazione più lampante. 

L'Italia fallirà in autunno - E così, per evitare di dissipare il patrimonio di consensi accumulato alle scorse elezioni, Grillo ha la necessità di alzare i toni. Di aizzare le folle di delusi e scontenti contro i partiti e contro i politici. Di solleticare la pancia, in particolare, delle piccole-media imprese, dei pensionati e dei disoccupati, ossia di quelle categorie sociali su cui è gravato maggiormente il peso dell'attulale crisi. Così nell'intervista al Bild lo showman genovese, comodamente seduto al pianoforte, Grillo suona le campane a morto. Per i politici che "devono andare a casa", per Napolitano, la cui elezione è un "colpo di Stato, salvo però augurarsi l'invasione dell'Italia da parte in tedeschi: "A me piacerebbe avere anche persone oneste, competenti, professionali, nelle posizioni giuste. In questo senso sarei contento di un'invasione tedesca in Italia", ha tuonato. Ma soprattutto suona il requiem per le categorie sociali di cui sopra. Dichiara Grillo: "Le piccole e medie imprese falliscono e tra settembre e ottobre il governo sarà a corto di soldi e avrà difficoltà a pagare stipendio e pensioni". 

I calcoli errati di Grillo - Troppo facile così, troppo facile sparare alzo zero contro tutto e contro tutti dopo aver evitato accuratamente di prendersi una seppur minima responsabilità di governo. In fondo, a Grillo più che i problemi dei disoccupati e dele piccole-medie imprese, stava a cuore la formazione di un governo di larghe intese Pd-Pdl. E non è un paradosso: in tal modo avrà infatti modo di urlare e strepitare contro l'inciucio, la casta e i politici corrotti, nella speranza di incrementare i consensi ottenuti alle scorse elezioni. Stavolta, però, Grillo ha fatto male i conti. Gli italiani hanno capito il suo gioco e lo stanno abbandonando in massa. A partire dal Friuli Venezia Giulia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • raucher

    24 Aprile 2013 - 19:07

    si taglierebbero la lingua prima di parlare in questo modo del loro Paese , anche se in difficoltà , per dignità , di cui Grillo è privo.

    Report

    Rispondi

  • ectosilver

    24 Aprile 2013 - 08:08

    Ma come , prima la Germania era il "nemico" e la Merkel una culona avida che ci succhiava il sangue, e adesso, trombato in parlamento,il guitto Grillo parlante ribalta il fronte e addirittura, compie una manovra da 8 settembre, auspicando una ennesima invasione teutonica del patrio suolo: con questo ha confermato di essere italiano che più italiano non si può,confermando il nostro vizio capitale, che ci viene riconosciuto in tutto il mondo, ovvero essere un popolo di voltagabbana. Grazie Grillo non sei diverso dagli altri, solo più casinista e chiacchierone!!!

    Report

    Rispondi

  • guidoboc

    23 Aprile 2013 - 20:08

    300 milioni evasi in Irlanda ? Pensavo di piu', allora e' un poveraccio! Lo denunzi a equitalia...

    Report

    Rispondi

  • ansimo

    23 Aprile 2013 - 20:08

    non ha a tutti i torti, visto che la Germania cresce e i nostri politici non sono capaci manco di fare un governo nonostante gli inciuci. Purtroppo a noi interessa più che stiano bene i nostri politici che noi stessi.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog