Cerca

Verso la scelta del Colle

Consultazioni, Berlusconi: "Governo forte e duraturo". Le opzioni tecniche: Gallo e Giovannini

Tra poco Napolitano deciderà. Il Pdl: "Sosterremo la sua scelta". Opzione "bassa intensità politica": oltre Amato, occhio a Letta

Consultazioni, Berlusconi: "Governo forte e duraturo". Le opzioni tecniche: Gallo e Giovannini

Nel Partito democratico la chiamano "bassa intensità politica". In altre parole, no a premier politici provenienti dal Pd. L'alternativa è il governissimo, con dentro ministri di centrosinistra e di centrodestra. Di più: la direzione del Pd ha di fatto delegato al presidente della Repubblica Giorgio Napolitano a decidere in beata solitudine. Una discreta scrollata di spalle, di fronte a un problema creato in massima parte proprio dal partito guidato fino all'altro ieri da Pierluigi Bersani

Le opzioni tecniche - La verità è che in largo del Nazareno non c'è unità politica, quindi meglio lasciare una cambiale in bianco al Quirinale. Che entro stasera potrebbe decidere il futuro capo del governo. E le direttive, in effetti, dovrebbero essere quelle indicate anche dalla direzione Pd. Se sarà governo "minimalista", come l'ha definito Pippo Civati, i favoriti per Palazzo Chigi sono due tecnici puri: Enrico Giovannini, presidente dell'Istat, e Franco Gallo, presidente della Corte costituzionale. Una via di mezzo sarebbe Giuliano Amato, che nel Pd vedono come elemento "ibrido": d'area democratica, ma non d'immediato rimando al partito agli occhi degli elettori. Su di lui pesa però il no sicuro della Lega Nord. Altra opzione: Enrico Letta, che però molti nel Pd vorrebbero "tenersi" in Parlamento anche per non esporsi troppo.

Renzi si raffredda - L'impressione è che, al netto delle manovre interne, dei tranelli e delle tendenze tafazziste del Pd, la pista caldissima che portava fino a martedì pomeriggio alla candidatura di Matteo Renzi si stia un po' raffreddando. Non certo per colpa del Pdl e del centrodestra. Giorgia Meloni di Fratelli d'Italia si è detta "pronta a stringere con lui un patto generazionale", il leghista Flavio Tosi si è detto favorevole a un suo incarico. E Silvio Berlusconi, subito dopo le consultazioni-lampo da Napolitano, ha ribadito: "Chiediamo un governo forte e duraturo, fondato sull'accordo delle forze politiche e democratiche in campo. Aspettiamo che il presidente indichi il premier incaricato e noi daremo il maggior contributo possibile". Una formula un po' generica, ma chiara: niente soluzione "tecnica" alla Monti, per intendersi. E Renzi sarebbe una sufficiente garanzia di rinnovamento per tutti. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Berna1947

    24 Aprile 2013 - 08:08

    La Meloni e Tosi sono in gamba, ma si preferisce quel volto NUOVO di Amato. Siamo in Italia bellezza (cit.)

    Report

    Rispondi

  • Palmiro Fazzari

    24 Aprile 2013 - 08:08

    Questo sarebbe il nuovo , il cambiamento ? Alla fine mettiamo come la vogliamo , crisi , non crisi , situazione intollerabile , di certo c'è , che oramai siamo in una dittatura , le elezioni sono dispendiose ed inutili , quindi non bisogna più andare a votare, tanto come si vede il popolo non conta nulla . Vergognate i tutti , e sopratutto si dovrebbero vergognare quelli che in questi caso fanno i finti moralisti. Che schifo !

    Report

    Rispondi

  • Al-dente

    24 Aprile 2013 - 02:02

    E gli ho dato pure il voto per avere questa schifezza!

    Report

    Rispondi

  • perfido

    23 Aprile 2013 - 21:09

    sarebbe meglio se il governo fosse presieduto solo da "Fratelli d'Italia e Lega". Voi direte:"mi pare una stronzata". A me no..................................

    Report

    Rispondi

blog