Cerca

Spari a salve

Grillo: "Si stanno spartendo le ossa e le poltrone della Seconda Repubblica"

Con il M5S fuori dai giochi che contano, il comico grida all'inciucio: "Si dividono le poltrone della Seconda Repubblica"

Beppe Grillo

Beppe Grillo

Ora Beppe Grillo è con le spalle al muro. Fatto fuori dai partiti che voleva affossare, continua nella tattica dell'insulto e della provocazione. Con la sua linea oltranzista e radicale, al momento si è condannato all'irrilevanza politica. Pd, Pdl e gli altri partiti stanno per avviare un governo di larghe intese, l'unica opzione possibile dopo la sequela di "niet" dei pentastellati. Lo hanno capito i friuliani, che hanno sonoramente bocciato le 5 Stelle alle ultime regionali. Lo avrebbero capito gli italiani, che secondo i sondaggi stanno abbandonando in massa il M5s. Grillo potrebbe aver avuto la sua grande occasione e averla persa. 
 
Grillo incendiario - Al comico non rimane che aggiungere al suo elenco di slogan contro i partiti, la casta, la politica, lo slogan dell'inciucio, per poi brandirlo durante i comizi in piazza, le dirette streaming e i post sul suo blog. Così, subito dopo il conferimento dell'incarico ad Enrico Letta, Grillo ha scritto: "A Roma si stanno dividendo le ossa e le poltrone della Seconda Repubblica. Nel frattempo l'economia non aspetta. Ogni minuto chiude un'impresa. Questo autunno potremmo raggiungere il punto di non ritorno". Toni sempre più incendiari. 

Il crollo del M5s - Grillo poi continua: "Molti sono alla canna del gas e ci guardano come se fossimo la loro ultima possibilità di salvezza". Vera la prima parte. Dubbi sulla seconda: forse poteva essere vera prima del voto, ma ora che i giochi politici sembrano chiusi (forse per sei mesi, forse per un anno o forse per due) la possibilità di salvezza del Paese sta tutta nel governissimo. Se l'esecutivo di larghe intese riuscisse a raddrizzare le sorti dello Stivale e a fare quelle riforme anti-Casta che Grillo si voleva intestare, il colpo per il Movimento 5 Stelle potrebbe essere quello fatale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • afadri

    25 Aprile 2013 - 14:02

    Adesso per lui inizia la parabola discendente. Non ha mai iniziato ed é già alla fine.!

    Report

    Rispondi

  • giacomolovecch1

    25 Aprile 2013 - 02:02

    e poi nella rete sono finite tante teste vuote come la tua!

    Report

    Rispondi

  • Frenki

    25 Aprile 2013 - 00:12

    Caro Grillo puoi ora grattarti la testa, la tua mega occasione te la sei lasciata scappare. Potevi buttare fuori dal parlamento il pluricondannato con l'aiuto di Bersani, e fare qualche riforma importante. Ora hai distrutto il PD e non raccoglierai nulla, nemmeno i consensi di quelli che chiedevano un cambiamento. Anzi hai rinforzato il bugiardo di professione che alle prossime votazioni vi farà un mazzo così. I cambiamenti si fanno con quelli che la pensano più o meno allo stesso modo. Berlusconi non cambierà mai perchè è troppo impegnato a salvarsi dalla galera. Hai capito mona....

    Report

    Rispondi

  • colombinitullo

    25 Aprile 2013 - 00:12

    Hai continuato ad abbaiare e sei rimasto con il cerino in mano. Il tuo elettorato d'ora in avanti lo pescherai quasi tutto tra i compagni smessi.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog