Cerca

Discesa in campo

Quirinale, il portavoce di Napolitano Cascella si candida a Barletta con il Pd

Il fedelissimo di Re Giorgio si candida a Barletta con i democratici. Ma non è un abbandono: "Il mio lavoro finiva col primo mandato..."

Pasquale Cascella

Lo storico portavoce del presidente della Repubblica Giorgio Napolitano lascia il Colle e si butta in politica. Con il Pd, che lo candida a Sindaco di Barletta. L'annuncio l'ha dato via twitter: "Da Barletta a Roma. E ora... Dal Colle a Barletta, la nuova sfida è nella mia città | Le ragioni di un impegno", ha twittato, linkando poi un'intervista a L'Unità in cui spiega appunto le ragioni che l'hanno spinto alla discesa in politica. L'uomo che ha portato il Quirinale su Twitter precisa però che non si tratta di un abbandono dell'incarico, poiché "con il giuramento del rieletto presidente della Repubblica è giunto alla naturale scadenza il compito che mi era stato affidato al Quirinale". Il portavoce di Napolitano è salito alla ribalta prorpio grazie al suo seguitissimo profilo twitter, a cui nei convulsi giorni dell'elezione del nuovo capo dello Stato in molti, quando Napolitano era ufficialmente in campo e si attendeva una sua decisione, guardavano per carpire una qualche informazione utile: la voce di una canddiatura di Cascella alle amministrative della sua città girava da qualche giorno e in tanti legavano la sua eventuale rinuncia ad una risposta positiva di Napolitano alla chiamata dei partiti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • sommesso49

    03 Maggio 2013 - 23:11

    Se il discepolo è sempre più bravo del maestro, il dott. Cascella sarà sindaco di Barletta con una lista unica PD + PDL. Bando alle ipocrisie!

    Report

    Rispondi

  • Libero Di Rino (LDR)

    24 Aprile 2013 - 22:10

    La sua recente popolarità si deve alla stampa locale che pubblicizzava Cascella quale portavoce di Napolitano. Sarà realmente capace di saper amministrare la città o sarà come i suoi predecessori sindaci di sinistra che non sono stati mai capaci di guardare allo sviluppo economico e turistico della città?

    Report

    Rispondi

blog