Cerca

La ferita brucia ancora

Il figlio di Prodi: "Il Pd non è quello che ha pugnalato mio padre"

Giorgio parla a un convegno dei "resettatori" del Pd: "I traditori? Non conosco i nomi"

Giorgio Prodi

Nonostante le parole misurate rilasciate alla stampa, a Romano Prodi la mancata elezione al Quirinale brucia ancora. E brucia tantissimo. Lo si capisce anche dai taglienti attacchi al Pd che piovono dai fedelissimi del Mortadella. Su tutti, i fendenti di Sandro Gozi, fedelissimo dell'ex premier, che non ha esistato a definire "uno schifo" il governo di larghe intese che sta per essere varato insieme al Pdl. Ai prodiani si aggiunge l'ala movimentista del partito, capitanata da Pippo Civati e Laura Puppato, che furono i teorici pontieri con il M5S e che subito dopo il tracollo definitivo delle trattative con i grillini sono stati brutalmente scaricati.

Non conosciamo i traditori - Ora però Prodi incassa una difesa a spada tratta tutta in famiglia. Chi parla è il figlio, Giorgio Prodi, che durante una riunione dei circoli di Bologna (dove impazza la corrente che si autodefinisce "resettatori" del Pd), ha commentato così l'affossamento della candidatura del padre: "Siamo molto più sereni così, passare anni e anni sotto i riflettori è faticoso". Ma quella di Giorgio Prodi è solo un'indifferenza apparente. Sui "traditori" non si sbottona: "Non credo mio padre li conosca, a me non l’ha detto. Lo schema è chiaro, ma le singole persone non si conoscono". Poi però insinua: "Diciamo che non è stato un colpo inaspettato". Quindi la stoccata finale: "Il Pd che si riunisce qui oggi è diverso da quello che lo ha pugnalato".

101 Razzi e Scilipoti - Uno degli attacchi più virulenti al Pd, e soprattutto a Giorgio Napolitano, lo scaglia però il prodiano di ferro Sandro Gozi che ospite a Un giorno da pecora ha commentato: "Napolitano? E' felicissimo di essere stato rieletto Presidente della Repubblica. Era un'operazione su cui lavorava da tempo e il fallimento della politica glielo ha permesso". Ma questa è solo la premessa. La carneficina a cui è stato sottoposto Prodi è dura da accettare, la ferita brucia ancora e l'astio nei confronti dei 'traditori' è profondo come non mai. E in quella ferita Gozi affonda il coltello: "Sono 101 Scilipoti e Razzi. E come fecero Scilipoti e Razzi, dovrebbero andarsene dal partito e fare un gruppo di 'responsabili': se ne vadano via dal PD". "Cosa le ha detto Romano Prodi dopo quella batosta?", chiedono i conduttori. Risposta: "L'ho sentito il giorno dopo e mi ha detto: tu sei troppo sorpreso Sandro, io li conosco meglio di te". La ferita brucia ancora, eccome se brucia. La faida che ha consumato il Pd è solo momentanenamente sospesa, pronta a riprendere con il voto di fiducia ad Enrico Letta e a consumarsi definitivamente con il prossimo congresso. Ormai è questione di giorni.

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • aresfin

    aresfin

    26 Aprile 2013 - 13:01

    Al figlio del mortadella, il salame, dico solo che si dovrebbe vergognare per tutte le porcate che ha fatto suo padre. Ma statti zitto e goditi i miliardi che papà a imboscato!!!!!!! Purtroppo questi personaggi provengono dalla lavorazione della carne di porco e tali rimarranno per sempre!

    Report

    Rispondi

  • roberto19

    roberto19

    26 Aprile 2013 - 12:12

    ... adesso abbiamo la mortadella CON o SENZA pistacchio quale preferisce?"

    Report

    Rispondi

  • mab

    26 Aprile 2013 - 11:11

    Una mortadella si affetta, dopodichè se è rancida si butta.

    Report

    Rispondi

  • Giumaz

    26 Aprile 2013 - 11:11

    Dalla famiglia Prodi, dal ritorno del padre, Romano, dalla venuta del figlio, Giorgio, o di qualsiasi altro parente, figlio, nipote, zio od erede a qualsiasi titolo, libera, libera, libera, libera nos Domine!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog