Cerca

Delirio a cinque stelle

Grillo: governo, un'ammucchiata degna del bunga bunga

Beppe Grillo

Dopo aver suonato le campane a morte per la Festa della Liberazione, Beppe Grillo si scaglia contro il governo che sta per nascere. Lo liquida come "un'ammucchiata degna del bunga bunga. Tutti passivi tranne uno che di bunga bunga se ne intende. Una mescolanza che sconfina nell'incesto, lettiana, che ha in se' il profumo di famiglia, da Mulino Bianco dell'Inciucio", scrive il leader del Movimento 5 Stelle sul suo blohg. E aggiunge, "Zio e nipote Letta si sono alternati come sottosegretari alla presidenza del Consiglio negli ultimi vent'anni. Cambiava il presidente, ma la famiglia Letta era sempre presente. A garanzia di chi? E' una coincidenza singolare questa successione monarchica. Una famiglia di predestinati'', si legge ancora. 

Tutti insieme appassionatamente - L'esultanza dei giornali e delle televisioni per l'ammucchiata di regime è  propria dei servi che hanno conservato il posto di lavoro. I partiti hanno evitato una Caporetto e si sono rinchiusi in un bunker, tutti assieme appassionatamente, ormai è amore - prosegue - Coloro che si insultavano in campagna elettorale "Comunisti!", "Mai con Berlusconi!" si sono infilati insieme sotto le coperte pur di non dover rendere conto alla Nazione del loro fallimento. Il governo minestrone avrà i peggiori odori e sapori della Seconda Repubblica e qualche resto avariato della Prima, come Amato, il tesoriere di Craxi. Pietanze che solo le televisioni riescono a far digerire". 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gattotigrato

    03 Maggio 2013 - 00:12

    Letta poteva dare a Grillo il Ministero dell'Avanspettacolo. Bingo Bongo continua così ad abbaiare alla luna che perdi voti , visto che hai portato una carrettata di analfabeti in Parlamento.

    Report

    Rispondi

  • AlfioMuschio

    27 Aprile 2013 - 16:04

    Coloro che si insultavano in campagna elettorale "Comunisti!", "Mai con Berlusconi!" si sono infilati insieme sotto le coperte pur di non dover rendere conto alla Nazione del loro fallimento. Beh, chi può dargli torto? Solo uno stolto può non aver ancora capito. Uniti contro il cambiamento vero. Ora il governucolo ci darà il dolcetto, facendo finta di fare qualcosa per tenere buono il popolo bue, poi continuerà a spartirsi la torta come ha fatto finora...

    Report

    Rispondi

  • pinturicchi

    26 Aprile 2013 - 18:06

    vuole i voti degli elettori . Da adesso ,fino alle elezioni politiche di settembre il grillone condurrà una campagna elettorale spietata nei confronti del PD con e senza la L.

    Report

    Rispondi

  • raucher

    26 Aprile 2013 - 14:02

    sul treno perso dal m5s di accordarsi con Bersani? Basta vedere il disastro siciliano per capire che non si sarebbe trattato di un'opportunità , ma di un fallimento garantito.

    Report

    Rispondi

blog