Cerca

La sinistra non si smentisce

Ecco i 50 traditori del Pd
che impallineranno Letta

I parlamentari democratici pronti alla fiducia: da Civati fino a Gozi, da Mineo alla Bindi. Cresce la faida: circola un documento anti-Enrico

Enrico Letta

Enrico Letta

 

di Tommaso Montesano

Una cinquantina. Tanti sono i parlamentari del Pd pronti a impallinare in Aula il governo di Enrico Letta. «Alla fine, penso che la stragrande maggioranza lo voterà», fa l’ottimista Matteo Renzi, subito smentito dalla senatrice dissidente Laura Puppato: «Non so da cosa desume tutte queste informazioni...». Perde consistenza, però, l’ipotesi delle espulsioni di massa in caso di voto contrario. A frenare è lo stesso Renzi, che una volta di più ne approfitta per smarcarsi dal vertice del partito: «Sbagliato dire a priori che chi non vota la fiducia è fuori dal Pd». 

In ogni caso resta tesissima l’atmosfera a due giorni dal possibile voto di fiducia all’esecutivo. Il dissenso non accenna a rientrare, al punto che i contrari alle larghe intese starebbero preparando una raccolta di firme contro il governissimo da far circolare in rete già domani. Il fronte degli oppositori, forte anche delle perplessità espresse dai coordinatori regionali, resta all’offensiva. Attivissimo è Pippo Civati. È lui a quantificare in «cinquanta» il numero di «quelli a disagio». Ma non tutti, a suo dire, sarebbero pronti a compiere il grande passo: «Quelli che si manifesteranno sono la metà». E lui è tra questi: «In questo momento voto contro. Poi vedremo...». Per il deputato lombardo, il sì a quello che lui ha ribattezzato il governo Napolitano-Berlusconi «potrebbe essere uno degli ultimi giorni del Pd». Sul piede di guerra ci sono anche la decina di parlamentari vicini a Rosy Bindi, reduce dall’astensione in direzione sul via libera all’intesa con il Pdl,  l’ex ministro Cesare Damiano, i prodiani, il senatore Felice Casson e, forse, addirittura l’ex portavoce di Bersani, Alessandra Moretti.

Sull’entità degli oppositori concorda Puppato, peraltro accreditata di un posto da sottosegretario. «Non accetterei», ribatte pensando ad una possibile convivenza con Renato Brunetta, magari al ministero del Welfare. Lei si augura che i ministri del Pdl «siano il numero più basso possibile». 

I veti investono anche i pezzi da novanta del centrosinistra. Interpellata sulla possibile nomina di Massimo D’Alema e Giuliano Amato, Debora Serracchiani, neopresidente del Friuli, ribadisce la sua contrarietà: «Si deve guardare non al passato, ma al presente o al futuro. Bisognerà cercare esperienza altrove». 

Una consistenza, quella dei ribelli (50 su 400), che ieri ha spinto Renzi a gettare acqua sul fuoco in merito alle espulsioni. «Se non si vota la fiducia è evidente che c’è un problemino», ammette, ma da qui a cacciare i dissidenti ce ne corre: «Se qualcuno non la voterà ci sono le sedi opportune dove si discute». Per lui, comunque, Letta è destinato a farcela: «Ha tutte le condizioni per poter superare le difficoltà e fare un buon governo. Però adesso basta con i giochini della politica». Proprio Letta, è più di ogni altro interessato alla scalata del sindaco di Firenze alla segreteria del Pd. Per un duplice motivo: assicurare al partito una guida rinnovata, e allo stesso tempo tenere Renzi lontano da Palazzo Chigi. Ma il sindaco, ad occupare in corsa la poltrona di Pier Luigi Bersani, non ci pensa proprio. «È prematuro prevedere quello che accadrà al congresso di ottobre», prende tempo il sindaco. Perché lui punta alla premiership da conquistare con le primarie.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • coruncanio

    28 Aprile 2013 - 12:12

    cavolo di ministro hanno messo all' Integrazione (de chè ?) spero che cada il governo assieme alla presidente della Camera. Abbiamo già dato, non ne abbiamo più !

    Report

    Rispondi

  • allianz

    27 Aprile 2013 - 19:07

    SPERIAMO.

    Report

    Rispondi

  • sommesso49

    27 Aprile 2013 - 14:02

    Voglio provare a immaginare lo sconforto di Bersani oggi, con la testa fra le mani a ripensare al suo imminente passato. A quando la moglie, probabilmente, gli diceva: "Non ti fidare di Letta! Ha l'aspetto del geco traditore! Cerca di stare attento perchè quello mi sembra un beccamorto!". Consigli e suggerimenti quotidiani inutili in quanto Bersani, che mi appare proprio un gentiluomo, non poteva neppure lontanamente supporre di avere a che fare con i peggiori traditori. Con gente che ha il tradimento nel dna: i comunisti! E i vari Enrico Letta e consociati da una parte, Berlusconi e consociati dall'altra parte, hanno tradito il voto di quei poveri fessi che hanno votato contro l'uno o contro l'altro.

    Report

    Rispondi

  • arwen

    27 Aprile 2013 - 12:12

    Ma questi 50 "intellettuali" dove hanno la testa. L'Italia si sta avvitando in una crisi dagli esiti devastani nel medio e lungo periodo, dalla quale si può uscire solo se tutti decidiamo di remare nella stessa direzione. Ora, invece, costoro dicono NO. Bene, ma allora quale è l'alternativa? Il voto, ovvero condannare il paese ad altri 60 giorni di agonia per riuscire ad avere un governo, ammesso che qualcuno vinca, intorno a metà luglio? E questi genialoidi pensano chel'europa ed i mercati, che già hanno dimostrato grande pazienza, continueranno su questa strada? E gli esodati? I cassaintegrati? I disoccupati? Le decisioni inderogabili? Qualcuno di questi esponenti della "superiorità morale" ha riflettuto sui costi? Credono che la piazza rimarrà ancora calma? Non hanno capito che qualcosa si è rotto nel paese? Oppure fanno i dissidenti per fare bella figura davanti agli elettori sicuri che qualcun altro farà il lavoro sporco al posto loro che rimarranno con le mani pulite?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog