Cerca

Semaforo verde

Berlusconi: "Il governo si fa, Letta può giurare già oggi, non sarò ministro"

Berlusconi: "Il governo si fa, Letta può giurare già oggi, non sarò ministro"

Enrico Letta sale al Quirinale alle 15. Dopo una mattinata di incontri e trattative, dopo aver incontrato Pier Luigi Bersani e poi Berlusconi, Enrico Letta ha annunciato che salirà al Colle. La lista che il premier incaricato, sottoporrà all’attenzione del Capo dello Stato non è definitiva, ma fonti ben informate che stanno seguendo la trattativa riferiscono che, al momento, i ministri in quota Pdl sarebbero cinque. Entrerebbero così nella squadra di Governo, Angelino Alfano, Maurizio Lupi, Anna Maria Bernini, Beatrice Lorenzin e Gaetano Quagliariello. Tuttavia, viene spiegato dalle stesse fonti, sarebbe ancora in atto un pressing del Pdl per l’ingresso nella compagine governativa dell’ex ministro Renato Brunetta e, quindi, non è escluso che i nomi del Pdl per ora inseriti nella bozza di lista di Governo in mano a Letta possano subire modifiche. Dario Franceschini, Graziano Delrio, Stefano Fassina e Mariachiara Carrozza. Sono questi i quattro nomi del Pd in pole position per un posto da ministro.   Nella formazione della lista ci si sarebbe attenuti in modo rigidissimo al criterio di non fare entrare nel governo ministri di precedenti esecutivi di centrosinistra.   Per questo, dal Pd smentiscono le voci di un ingresso di Pier Luigi Bersani

Silvio Berlusconi ha fatto la sua parte. Massima disponibilità per il nuovo governo e idee chiare per il futuro. Dopo l'incontro con il premier incaricato, Enrico Letta, il Cav è apparso ottimista e fiducioso. Ha subito dichiarato: "Letta potrebbe giurare già oggi". E sul suo ruolo Silvio ha affermato: "Io non sarò nella squadra dei ministri". Insomma l'incontro fiume tra il Cav e l'ex sottosegretrio è andato bene. I due avranno parlato di tutto. Soprattutto dei ministri che dovranno fromare il governo Letta. Il segretario del Pdl Angelino Alfano aveva aperto le porte ad una collaborazione convinta e senza condizioni: "Noi non siamo un ostacolo e non mettiamo nessun veto su Massimo D'Alema ministro, non ci piace comandare in casa altrui". Insomma il clima è disteso. 


Bersani battuto - Pier Luigi Bersani aveva provato a far saltare il banco ma non c'è riuscito. In mattinata il segretario dimissionario del Pd aveva provato a dettare la linea dando gli ordini a Letta con un secco: "Dì a quelli del Pdl che il governo non si deve fare a tutti i costi". E invece il governo si farà anche con l'appoggio determinante del Cavaliere. Da queste trattive escono due verità. La prima: Bersani ormai è isolato dentro il suo partito. Letta fa tutto da solo, come è giusto che sia, e cerca di "chiudere presto" per assicurare un governo stabile e condiviso al Paese.

Mai più premier - Il Cav comunque lascia intendere che il suo ruolo per il futuro sarà quello di padre nobile del centrodestra e del Pdl. In un'intervista a Fox news ha dichiarato che non rivestirà più ruoli istituzionali. "Sono stato primo ministro per nove anni e quando non ero primo ministro ero a capo dell’opposizione. Dopo aver lasciato lasciato la politica mi è stato chiesto di tornare indietro per suggerire, proporre delle politiche per rilanciare l’economia, e adesso con questo governo che dovrebbe formarsi anche con la sinistra queste mie proposte sono sul tavolo proprio per questo motivo".

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • colombinitullo

    28 Aprile 2013 - 20:08

    Caro avannotto le ricordo che kazzo si scrive così: cazzo come quello che lei ha al posto della testa infatti lei essendo limitato come tutti i pesci di cui lei ha preso anche l'espressione profonda, intensa,intelligente(a proposito a che pagina arriva dell'abecedario acquatico che, come lei ben sa,è di gran lunga più semplice di quello umano)non riesce a capire che proprio non ci arriva. Non deve arrabbiarsi quando le faccio notare la sua pochezza, il mondo è di tutti e ci può stare anche lei(naturalmente a disagio).Io invece la saluto molto cordialmente perchè mi diverte e mi mette di buon umore.

    Report

    Rispondi

  • ubidoc

    ubidoc

    27 Aprile 2013 - 17:05

    18 Ministri ? Ma solo per accontentare tutta la casta ? Nove sarebbero pure troppi .

    Report

    Rispondi

  • 654321

    27 Aprile 2013 - 17:05

    Pesciottello , discendente dei Maya, ma non do sei? Ahahah, futurologo pescione, sei un mito, ti decoro capitone, volevi venire anche a tirarci le monetine. Ma come? Mi ero gia' organizzato, ne avevo rimediate una carrettata, ti mettevo a buco ritto e ti usavo come salvadanaio. Ora sei sparito? Hypostum, non sai piu' in quale acquario dovrai continuare a mangiar merda? Ahahahah, ingordo pesciottello, sono sicuro che stai pensando che la mangerai in due Pd, intanto ora e' il periodo della monta, spostati bene le squamette dell' orifizio anale, e partecipa alla funzione. Si, quella che piace a te, la messa in culo. E il destino dei pesci senza fosforo, sguazza , sguazza Trota Capitonata, ricordati il torrente, non le solite fogne.

    Report

    Rispondi

  • iltrota

    27 Aprile 2013 - 17:05

    La invito poco cordialemnte a farsi i kazzi suoi !

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog