Cerca

Il primo giorno

Il giuramento del governo:
Enrico Letta è premier

Il presidente e i suoi ministri al Colle: a due mesi dalle elezioni nasce l'esecutivo. Rivivi il giuramento

La squadra di governo che ha giurato al Colle

La squadra di governo che ha giurato al Colle

Il presidente del Consiglio, Enrico Letta, ha lasciato la sua abitazione intorno alle 11 per recarsi al Quirinale, dove è arrivato alle 11.13. Oggi, domenica 28 aprile, è il giorno del giuramento, funestato dalla sparatoria davanti a Palazzo Chigi: Letta è ufficialmente premier. Lui e i ministri hanno giurato nel salone delle Feste, al Quirinale. Dopo l'attesa nella stanza attigua, i 21 titolari dei dicasteri hanno sfilato davanti alla scrivania dove poco dopo hanno promesso fedeltà alla Repubblica. Presente alla cerimonia anche la moglie del presidente della Repubblica, Clio Napolitano.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • allianz

    28 Aprile 2013 - 22:10

    Mi fa schifo.Ladri sono e ladri rimangono.

    Report

    Rispondi

  • eureka.mi

    28 Aprile 2013 - 14:02

    Onorevole Letta, mentre Le auguro un buon lavoro per un governo duraturo voglio ricordare che ha dimenticato di abbottonarsi la giacca quando ha sfilato davanti al picchetto d'onore. Cambieranno i tempi ma una certa eleganza va sempre rispettata.

    Report

    Rispondi

  • LapuLapu

    28 Aprile 2013 - 12:12

    Ma perfavore! Al massimo faranno qualche leggina pro immigrati, elargiranno denaro pubblico a destra e a manca, fingeranno qualche risparmiuccio sulla casta a scopi mediatici e poi se ne andranno lasciando tutto come prima o forse peggio. Ma che ne sa la Di Girolamo di agricoltura e perchè tanti ministeri inutili? Coesione del territorio, Rapporti col parlamento, Integrazione (non bastava le Pari opportunità?), Rapporti con l'Europa (Non c'è già il Ministero degli Esteri?)

    Report

    Rispondi

  • sommesso49

    28 Aprile 2013 - 11:11

    Film dell'autore Napolitano, registi Gianni Letta e Silvio Berlusconi, attore non protagonista Enrico Letta, comparse scelte accuratamente "a caso" che svolgono il ruolo di ministri, musiche corifee appositamente composte dai mass-media. Durata del film: fino allo stremo degli spettatori.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog