Cerca

Volano gli stracci

In'mezz'ora, Salvini e De Magistris si incrociano in studio: volano parole grosse

9
Luigi De Magistris e Matteo Salvini

A In mezz'ora di Lucia Annunziata gli ospiti erano due: prima Luigi De Magistris, poi Matteo Salvini. I due duellanti delle ultime settimane, dalla "calata" del leghista nel capoluogo partenopeo in poi. I due, nel corso della trasmissione, si incrociano per pochi secondi: Giggino in studio, Matteo in collegamento. E Annunziata chiede: "Almeno un saluto ve lo scambiate?". E il saluto arriva, ma al veleno.

Prima Salvini: "Saluto tutti, ci mancherebbe altro. Mi spiace però che Napoli sia amministrata da una persona come De Magistris, il quale come amministra questa città lo si è capito in questa mezz'ora. Uno che pensa più a Salvini che ai problemi della città...". La risposta di De Magistris? Laconica: "Lo saluto e mi appello all'articolo 27 della Costituzione". Annunziata dunque chiede di cosa si tratti, e il sindaco di Napoli risponde: "Non c'è bisogno che lo dica io di cosa si tratta".

Dunque, ve lo spieghiamo noi. L'articolo 27 prevede che "la responsabilità penale è personale". In buona sostanza, De Magistirs, si difende e se ne lava le mani: con quella frase afferma che gli scontri a Napoli, nel giorno dell'intervento di Salvini, non sono stati sua responsabilità, così come al contrario gli era stato rinfacciato a causa delle dichiarazioni incendiarie che avevano anticipato l'arrivo del leader della Lega Nord. Poche parole tra i due, dunque, ma moltissima tensione. E la spiegazione di Giggino lascia parecchi dubbi...

Ma tant'è. Dopo la replica di De Magistris, riattacca a parlare Salvini. Altre critiche contro il sindaco di Napoli, il quale, innervosito, si alza e se ne va smozzicando un saluto. Colpito e affondato.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • levantino

    21 Marzo 2017 - 10:10

    Ah,dimenticavo. Per De Magistris il detto di Voltaire: "Non sono d'accordo con quello che dici, ma darei la vita perché tu lo possa dire ". Adesso si appella all'art.27 della Costituzione. E' vero che i giudici dicono e fanno quello che gli pare. E i napoletani,a quanto pare,sono d'accordo!

    Report

    Rispondi

  • levantino

    21 Marzo 2017 - 10:10

    I napoletani non sapendo a cosa andavano incontro hanno votato il Sindaco. Ora piangono lo sfascio che hanno provocato i centri sociali ed i black bloch (col beneplacito del Comune). Si vuole addossare che tutta la colpa è di Salvini, il quale " Castigat ridendo mores " per dirla in latino.

    Report

    Rispondi

  • siracusarosanero1965

    20 Marzo 2017 - 15:03

    Grande Salvini, gente come giggino merita solamente di amministrare il vespasiano di casa casa sua (ammesso sua moglie glielo lasci fare), e spero che salga al governo il buon Matteo per sbarazzarci di gente come de magistris dei centri sociali, dei migranti, dei rom, dell'euro e dell'europa

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media