Cerca

L'incontro a Bruxelles

Letta da Barroso. Europa fiduciosa: "L'Italia uscirà da procedura deficit"

Il capo dell'esecutivo Ue: "Subito le riforme strutturali"

Enrico Letta e Josè Manuel Barroso

Enrico Letta e Josè Manuel Barroso

 

Il presidente del Consiglio Enrico Letta conclude a Bruxelles il tour europeo che lo ha portato a Berlino e a Parigi, con l'incontro con il capo dell'esecutivo Ue Josè Manuel Barroso. "Sono più ottimista di quando sono partito", ha detto il premier al termine del colloquio.

Letta e Barroso hanno parlato di crisi, di lavoro - "il vero incubo per il nostro Paese" - di riforme. Nei "prossimi giorni", ha annunciato il presidente del Consiglio, il governo presenterà alla Commissione europea i dettagli sui programmi economici per il rispetto degli impegni del patto di stabilità. Ma per la crescita, per permettere "alle nostre imprese di ottenere denaro a tassi più bassi", ha proseguito Letta, è "essenziale" un "rapido avvio dell’Unione bancaria". Per Barroso in Italia è fondamentale "accelerare il processo di riforme strutturali". E in questo senso si dice "fiducioso". Bruxelles confida che alla fine del mese l’Italia possa uscire dalla procedura per deficit eccessivo. "Ma questo dipenderà dalla presentazione in termini concreti dai piani del nuovo governo". 

Ed è su uno dei punti del programma del governo Letta, la riduzione della pressione fiscale, che l'Ocse frena: "In Italia è impossibile per il momento ridurre in modo significativo il livello complessivo dell’imposizione". E’ possibile invece l’eliminazione delle agevolazioni fiscali per incrementare la base imponibile dunque un ritocco delle aliquote marginali "senza impatto sulle entrate", si legge nel Rapporto. L’Ocse prevede anche che la disoccupazione cresca all’11,4% quest’anno e all’11,8% nel 2014, mentre il costo del lavoro resta su livelli moderati a +0,2% nel 2013 e a +0,1% nel 2014. In decelerazione l’inflazione che si attesterà all’1,9% quest’anno e scenderà allo 0,9% nel 2014.  

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ssansonetto

    02 Maggio 2013 - 13:01

    OCSE = organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo cioé organizzazione internazionale di studi economici , detto brevemente il NULLA . Semplicemente quello che é cioé nessun valore politico ,quel valore che elimina nell'arco di ventiquattrore un confine che divide due popolazioni da piú di sessant'anni. Questa la differenza tra una organizzazione che studia comportamenti economici internazionali e la politica .danisan

    Report

    Rispondi

  • franziscus

    02 Maggio 2013 - 13:01

    così noi compereremo sempre di meno e la vostra economia ve la potrete seppellire per sempre. Poi quando il popolo si ribellerà, terrete compagnia alla vostra economia.

    Report

    Rispondi

  • poggione

    02 Maggio 2013 - 12:12

    Se l ' ocse vuol governare l' Italia si presenti alle elezioni e le vinca, le politiche economiche le devono fare coloro che sono stati eletti democraticamente dai cittadini e non dei funzionari che prendono stipendi milionari e che nessuno conosce!

    Report

    Rispondi

  • highlander5649

    02 Maggio 2013 - 12:12

    fatte trite e ritrite,i soliti discorsi nauseabondi, possibile che non si riesca a far capire ai puzzolenti di bruxelles lo stato di calaMITà DELLA nostra economia? con questi non si può toccare nulla sbraitano di fare le riforme ma l'iva non si può abbassare le aliquote irpef nemmeno cidissanguano per sostenere spagna portogallo grecia romania.... a casa mia chi comanda? la *suocera* merkel il suocero van rompy(balle)? l'unione eurpea ha senso solo se si uniscono in una federazione di stati simili con un unico sistema legale tributario e commerciale altrimenti è una ca@@ta spaziale, sono 2o anni che litigano su tutto, l'un contro l'altro armato e la chiamano UNIONE .. ITALIANI Sì SCEMI NO,

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog