Cerca

Una grottesca tragicommedia

M5S, Mastrangeli: "Mi appello a Pietro Grasso contro l'espulsione"

Il primo "cacciato" si difende: "Io ho il Movimento nel sangue. Non ho infranto alcuna regola" / Guarda il video dell'intervista a TgCom24

Marino Mastrangeli

Marino Mastrangeli

La tragicommedia dell'ormai ex "cittadino" Marino Mastrangeli s'arricchisce di un nuovo capitolo: l'appello al presidente del Senato, Pietro Grasso. Mastrangeli, lo ricordiamo, è stato espulso dal Movimento 5 Stelle per il gravissimo "reato" di talk show: è andato in televisione, e lo ha fatto troppe volte. Per giunta è andato in sutdio da Barbara D'Urso, su Mediaset. "Orrore". Le truppe pentastellate non potevano accettare tale insubordinazione. Così prima il voto dei parlamentari e poi quello degli iscritti sul blog del grande capo Beppe Grillo hanno ratificato la cacciata del Mastrangeli.

La lettera a Beppe - Il nostro, però, non molla. Spiega che "io le Cinque Stelle ce le ho nel sangue", e insomma non vuole essere espulso. Così si appella a Grasso, "affinché impedisca la mia espulsione dal gruppo del M5S al Senato. Chiedo formalmente un suo intervento contro un'ingiustizia ai miei danni che non può e non deve essere perpetrata". Il Mastrangeli, sinceramente disperato, aggiunge: "Ho scritto anche una lettera a Grillo (guarda il video, ndr). Non ho alcuna intenzione di fermarmi, è un'ingiustizia e io non ci sto. Il Movimento - ribadisce - ce l'ho nel sangue. Resterò per sempre grillino".  

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • sig.nessuno

    02 Maggio 2013 - 19:07

    Quanta materia grigia occorra per leggere il regolamento del M5S prima di accettarlo e aderire. O forse era tutto studiato a tavolino? Noooo non esistono persone tanto calcolatrici al mondo... sicuramente è in buona fede... il teatrino che sta facendo è solo frutto della sua delusione...

    Report

    Rispondi

  • alvara

    02 Maggio 2013 - 18:06

    il veo errore non è cacciarlo ma avere candidato una persona che quando parla fa soilo ridere, come del resto quasi tutti i cerebrolesi telecomandati che grillo ha fatto eleggere.

    Report

    Rispondi

  • dx

    02 Maggio 2013 - 17:05

    ha capito benissimo che con la politica ci si può sistemare a vita. ma non è detto, potrebbe anche fare una brutta fine... entro un anno sarà ai parlatori degli alcolisti anonimi per liberarsi dal vizio dell'alcool e magari la signora durso potrebbe andare a trovarlo per intervistarlo e farci su un'altra sceneggiata pop.

    Report

    Rispondi

  • pinturicchi

    02 Maggio 2013 - 14:02

    Va cacciato con la seguente motivazione : " partecipare alla trasmissione della D'urso è la condizione più bassa , più degenerativa in cui un individuo possa ridursi . Considerato che ha commettere questa azione è stato un senatore della Repubblica ,la pena tremenda da comminare a Mastrangeli è : costringerlo con la forza a guarderebbe una puntata di pomeriggio 5 condotta dalla D'urso ...........Voglio vedere se sopravviverà !!!!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog