Cerca

Le parole del premier

Letta: "Perso troppo tempo, la crisi non aspetta"

Enrico Letta

Enrico Letta

 

Al termine del tour europeo che lo ha portato a Berlino da Angela Merkel, a Parigi da Francois Hollande e poi dal presidente della Commissione Europea, Josè Manuel Barroso, Enrico Letta spiega che "siamo di fronte ad una corsa contro il tempo. Questo è chiaro a tutti e fa parte delle regole d'ingaggio di questa missione". Così il premier alla presentazione del Rapporto Ocse. Poi, da Letta, arriva un'aspra critica all'ex segretario del Pd, Pier Luigi Bersani: "Si è perso tanto, troppo tempo in queste settimane, e gli altri non aspettavano. Siamo in una corsa contro il tempo anche perché ci sono da fare scelte coraggiose da seguire con determinazione e perché all'estero ci chiedono dei risultati". Pur senza citarlo, chiaro il riferimento a Bersani e alla tattica suicida dell'inseguimento ai grillini che, dopo le elezioni, ha paralizzato il Paese per due lunghi mesi.

"Terreno ben arato" - Letta ha spiegato che "ho dovuto parlare e spiegare ai partner europei, ma ho trovato un terreno ben arato e ho colto quanto sia importante il ruolo dell'Italia e quanto noi vogliamo giocarlo". Il premier ribadisce che "la lotta alla disoccupazione giovanile è la priorità del governo. Cercheremo di bloccare questa emorragia perché è l'incubo che attanaglia le nostre famiglie. La nostra proposta - ha aggiunto - è che il Consiglio europeo di giugno si concentri sul tema della disoccupazione giovanile, ci aspettiamo che gli altri facciano la loro parte, noi faremo la nostra".

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • imahfu

    03 Maggio 2013 - 08:08

    Non siamo ciechi. Ricordiamo che per due anni, mentre gli altri si preparavano, noi si discuteva UE sì, UE no, euro sì, euro no. E i ristoranti erano pieni secondo Silvio. Lì si sono persi due anni e quando é intervenuto Napolitano con Monti mancava qualche ora alla nostra uscita dall'UE, ci era stato chiesto...

    Report

    Rispondi

  • imahfu

    02 Maggio 2013 - 21:09

    Sio é pentito. Sempre in ritardo come con l'evidenza della crisi. Orta l'IMU é la scusa per tornare indietro.

    Report

    Rispondi

  • Frenki

    02 Maggio 2013 - 18:06

    Sono anni che parlano delle riforme ma sarebbe più opportuno che chiarissero il significato. Io credo di aver capito che significato: 1) riforma delle pensioni (fatto), in pensione più tardi; 2) riforma della spesa per pensioni(da fare) diminuire le pensioni, vedi Grecia; 3) riforma della sanità (da fare) ristrutturazione degli ospedali-accorpamento, spesa standard, ticket per cat.di reddito; 4) ristrutturazione della'amministrazione pubblica (da fare), ammodernamento, automatizzazione, riduzione del personale; 5) riduzione degli stipendi di tutti i funzionari e manager dell'A.P.(da fare ), compresi i magistrati. 6) riduzione delle spese militari (da fare); 7) riforma bancaria (da fare) separazione delle banche che erogano il credito da quelle che speculano. Al momento mi fermerei quì.

    Report

    Rispondi

  • charles_56

    02 Maggio 2013 - 17:05

    peccato non si sia reso conto di appartenere alla stessa razza.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog