Cerca

Nel mirino

Biancofiore, rivolta dei gay: "Fuori dal governo"

Per colpire la 'pasionaria' del Pdl vengono rispolverate vecchie dichiarazioni su omosessuali e trans. Pd e Sel sulle barricate: "Una scelta infelice" 
Michaela Biancofiore

Michaela Biancofiore

L'infornata di sottosegretari fatta ieri, giovedì 2 aprile, dal governo Letta ha suscitato qualche mal di pancia. Soprattutto dalle parti del Pd e di Sel. In particolare, nel mirino della sinistra è finita Micaela Biancofiore, la pasionaria del Cav nominata sottosegretario alle Pari opportunità. La rivolta di ampi settori della sinistra politica e di parte dei mezzi d'informazione è dovuta ad alcune sue dichiarazioni considerate omofobe sui gay e sui trans. 

Le dichiarazioni della Biancofiore - Lo scorso gennaio, ospite di Klauscondicio, la Biancofiore ha dichiarato: "Sono dell'opinione che le unioni gay non siano assolutamente una priorità per gli italiani. Purtroppo qualcuno nasce con una natura diversa, tra l’altro una natura che non ti fa avere una vita facile. Sono persone che considero al pari di me. Non c’è solo l’eterosessualità, ma anche una sessualità diversa, che oggi, purtroppo, è estremamente comune. Ribadisco il mio no ai matrimoni gay". Oppure: "Chi va con i trans ha seri problemi di posizionamento sessuale. Capisco i trans che si operano, ma non vedo perché si dovrebbe consentire un matrimonio tra un ‘uomo uomo’ e un ‘uomo che vuole sembrare donna e mantiene l’organo maschile’. Lo apprezzerei piuttosto se facesse l’operazione". 

Le reazioni alla sue nomina - Parole che adesso, a distanza di mesi, vengono "rispolverate" soprattutto da esponenti della comunità gay, come Ivan Scalfarotto (Pd) e Alessandro Zan (Sel). Ha dichiarato il parlamentare del Pd: "Devo ammettere che la nomina di Michaela Biancofiore come sottosegretario alle pari opportunità mi ha preso in notevole contropiede e ha esaurito rapidamente la soddisfazione per la scelta di Josefa Idem al corrispondente incarico ministeriale". Più duro il giudizio dell'esponente di Sel: "C'è da chiedersi quale sarà la politica di Michaela Biancofiore sui gay. La neo sottosegretaria alle pari opportunità fedelissima di Berlusconi sembra una scelta infelice per un dicastero a cui sono demandate anche scelte politiche sul fronte dei diritti gay". 

La risposta della pasionaria - L'Amazzone del Pdl però non ci sta e, contattata dall'HuffingtonPost, risponde per le rime: "Non ho nulla da controbattere a coloro che mi criticano. Le associazioni gay non mi conoscono e quindi prima vedano i fatti", ha dichiarato. Poi attacca Enrico Oliari il presidente di GayLib, la comunità di gay vicina al cetnrodestra, anch'esso critico sulla nomina della Biancofiore alle pari opportunità: "Quanto a Oliari (presidente di GayLib ndr) è un ex Msi/An appartenente alla corrente del mio peggior avversario politico". In una nota inviate alle agenzie la Biancofiore reagisce furiosa agli attacchi: "Essere oggetto di una discriminazione preventiva, ingiustificata, fondata su presunte dichiarazioni fuori contesto e malamente estrapolate, è certamente il modo migliore per cominciare ad occuparmi, come Sottosegretario, di Pari Opportunità".

Non mi farò intimidire - Quindi prosegue: "Sappiano tutti loro che non mi lascerò intimidire e che mi occuperò, con l’impegno e la passione di sempre, di lotta contro tutte le discriminazioni, dell’empowerment femminile, delle politiche giovanili e dello sport in perfetta sintonia con la linea politica del ministro delegato", assicura Biancofiore. La Biancofiore evidenzia le contraddizioni in cui, attaccandola, cadono quelli che si sono scagliati contro di lei: "Spiace che questi attacchi siano provenuti soprattutto da parte di coloro che si professano campioni di tolleranza e rispetto e che sarebbe stato bello avessero occupato il proprio tempo a pronunciarsi per una volta sugli ennesimi femminicidi avvenuti tra ieri e oggi nel nostro Paese". 

Seguirò la linea della Idem - Sulla linea politica che adotterà in qualità di sottosegretario poi precisa: "Sono grata per la fiducia ricevuta innanzitutto dal mio leader Silvio Berlusconiovviamente dal Presidente del Consiglio Enrico Letta e al ministro per le pari Opportunità, lo Sport e le politiche giovanili, Josefa Idem ,che ho appena finito di incontrare e che ha voluto condividere gentilmente con me tutte e tre le deleghe del ministero"

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • 44carlomaria

    04 Maggio 2013 - 20:08

    Abbiamo moltissimi problemi reali per persone che non hanno più di chè campare. Però il più importante è:non offendere i gays, cioè secondo il vocabolario USA gli schifosi/cattivi. Meditate popolo di poca fede. Asvedommia

    Report

    Rispondi

  • dulbecco2

    04 Maggio 2013 - 18:06

    Cambi Ministro all'integrazione visto che non è gradito a molti.. 2 pesi e 2 misure??

    Report

    Rispondi

  • Marco_Aurelio

    04 Maggio 2013 - 12:12

    ......e infatti non l'hanno fatta nemmeno accomodare alle PARI OPPORTUNITA'.......leggo che l'hanno "dirottata" alla Pubblica Amministrazione e Semplificazione!!! Solo che una "turbata" come lei che si sa complicare la vita......sarà capace di semplificare la nostra??? Bah.....staremo a vedere!!!

    Report

    Rispondi

  • sirjoe

    04 Maggio 2013 - 12:12

    l'hanno fatta fuori dalle pari opportunità io la farei fuori dal governo ma anche dal parlamento visto che non l'ha votata nessuno

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog