Cerca

Intervista dalla Annunziata

Kyenge: bisognerebbe abolire il reato di immigrazione clandestina

Cecile Kyenge

 

“Il reato di immigrazione clandestina va abrogato”. Un’altra frase-bomba, una dichiarazione che scatenerà un acceso dibattito politico. A lanciarla è stato il ministro dell’integrazione Cecile Kyenge alla trasmissione di Lucia AnnunziataIn mezz’ora”.  Il neoministro ha annunciato che nelle prossime settimane sarà pronto un ddl sullo ius soli. "E' difficile dire se riusciro'" ha ammesso il ministro, "per far approvare la legge bisogna lavorare sul buon senso e sul dialogo, trovare le persone sensibili. E’ la società che lo chiede, il Paese sta cambiando. Bisogna lavorare molto per trovare i numeri necessari" ha aggiunto precisando di non pensare a un eventuale fallimento. Il ministro trova “buona” l’idea di coinvolgere Balotelli nella campagna per lo ius soli.  "Non lo conosco personalmente so che lui sta subendo atti di razzismo, ma riesce a testa alta a dare un forte contributo all'Italia, che è il nostro Paese". Secondo il ministro, inoltre, "bisogna guardare alla direttiva europea che l'Italia ha ratificato in modo sbagliato, rivedendo la struttura dei Cie: la direttiva non chiede all'Italia di mettere nei Cie persone malate, fragili, minori ma solo le persone che sono pericolose e i criminali".

La storia di Cecile - Il neo ministro ha inoltre raccontato a Lucia Annunziata la sua storia: un padre cattolico e poligamo, 38 fratelli figli di diverse madri. Anche lei è arrivata in Italia da irregolare: "il vescovo della mia città mi aveva trovato una borsa di studio alla Cattolica di Roma", ma questa borsa non è mai arrivata e così ha dovuto passare un anno in cui ha dovuto cercare un lavoro per poter restare in Italia. "Avere tanti fratelli e sorelle mi dà l'idea di vivere dentro una comunità, facilita i rapporti con la societa'" ha detto, spiegando che in Congo esiste la poligamia e un uomo puo' avere fino a quattro mogli. "Prima della crisi era una cosa abbastanza frequente". La Chiesa cattolica, ovviamente, ha riconosciuto solo il primo matrimonio. "Anch'io sono cattolica - ha detto - ma poco praticante". In Italia, ha spiegato ancora il ministro, e' stata aiutata da alcune persone: "un prete, un rifugiato dall'Ungheria che mi ha fatto conoscere una donna che lavorava in Zimbabwe e poi Adele Pignatelli che ha una associazione di medici a Roma. Loro mi hanno dato la possibilità di avere i documenti. Devo dire grazie a queste persone". La sua biografia prosegue poi con il matrimonio con un calabrese nato a Modena. "Io mi sento più calabrese di lui, passo sempre le vacanze in Calabria". E' grazie al matrimonio, spiega, che è diventata cittadina italiana. Nella sua vita in Italia non sono mancate le discriminazioni. L'episodio più brutto, racconta, "nel 2004 quando fui aggredita mentre facevo volantinaggio per la campagna elettorale, un uomo mise le mani addosso a me e mia sorella che passavamo davanti al suo negozio. L'ho denunciato ma non ho mai avuto risposte''.

La replica di Schifani - Le parole della Kyenge non sono piaciute al presidente dei Senatori del Pdl. “Non si esageri e si usi maggiore cautela anche da parte dei membri del governo", ha tuonato Renato Schifani. "Quello del ministro Kyenge, che annuncia urbi et orbi che il reato di immigrazione clandestina andrebbe abrogato ed un ddl sullo ius soli nelle prossime settimane, è soltanto l’ultimo episodio. Ma è sintomatico di un atteggiamento che non tiene in alcun conto il ruolo del Parlamento e il necessario coordinamento con i capigruppo della maggioranza, richiamato espressamente dal presidente del Consiglio nel suo intervento. Non si possono fare proclami solitari, senza che gli argomenti siano discussi e concordati in un ambito collegiale. Ci auguriamo che si cambi rapidamente registro e ci si renda conto che il governo attuale è fatto di larghe intese e dunque di scelte comuni. Le iniziative personali ed i diktat, come quello di Fassina e compagni sul presidente Berlusconi, non inducono all’ottimismo”.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • linop55

    07 Maggio 2013 - 12:12

    dall'inizio della crisi si sono persi più di 1000.000 di posti di lavoro, altrettanti sono le assunzioni di extracomunitari, senza considerare quelli che lavorano in nero, è chiaro che licenziano gli Italiani per assumere extracomunitari a costo molto inferiore ufficiosamente contabilmente gonfiato in negativo. ( pagano 50 e fanno risultare 100) conseguenza? prima le tasse le pagavano i lavoratori italiani, oggi il 50% disoccupati senza soldi, non entrano soldi allo stato ma addirittura non si consuma quindi nneanche imposte indirete = bancarotta dello stato. non è bello vedere i figli dell'italia malatti e non si possono curare perchè il potere d'acquisto dello stipendio non ti permette più neanche di pagare le bolette, mentre gli extracomunitari si curano gratis, mangiano a sbaffo e ogni tanto dopo la terza generazione si dilettano a fare anche cattive nella casa di chi li ha accolti. certo che definire l'immagrazione un fatore positivo in queste condizioni è un po difficile

    Report

    Rispondi

  • noncirestachepiangere

    07 Maggio 2013 - 08:08

    Rivolgiamo alla soi-disante Madame le Ministre un quesito : Abbiamo inteso che Madame si sente pronta a "sacrificarsi" per la causa, assumendosi il faticoso onore dell'impegno politico per il progresso dell'umanità oppressa. Perchè dunque non lo fa a casa sua, per l'unità, il lavoro ed il progresso di Congolesi suoi compatrioti, che, secondo l'inno nazionale, devono lottare tutti insieme "per il loro vecchio paese nero"? Mi creda , Madame, di "africano", nell'inno d'Italia e degli Italiani , c'è solo Publio Cornelio Scipione, che non era precisamente nato a Brazaville!

    Report

    Rispondi

  • ENYATZ

    06 Maggio 2013 - 20:08

    sono assolutamente condivisibili!!

    Report

    Rispondi

  • enricomariacg

    06 Maggio 2013 - 19:07

    Ritengo che il ministro in questione voglia torgliersi qualche sassolino , sarebbe peró opportuno che realizzasse che questo paese ha bisogno ben di altro che ulteriori e futili proposte , si concentri sul suo lavoro e non faccia perdere tempo , buffona ignorante . Sia chiaro , che il posto che scalda , non le viene concesso per parlare a nome proprio , segua le regole , e per la cronaca , per quanto il Times abbia dichiarato Balotelli uno delle cento persone maggiormenti influenti del 2012 sarebbe bene si circondasse almeno da persone con cognizione di causa , ma evidentemente l ´inettitudine é il suo forte .

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog