Cerca

Toghe d'assalto

Caselli su Andreotti: "Contiguo a Cosa Nostra, ma prescritto"

Il Procuratore capo di Torino ne è convinto: "Fino al 1980 la Corte ha ritenuto l'imputato responsabile di rapporti con la mafia"

Giancarlo Caselli

Uno dei più fieri avversari di Giulio Andreotti è stato sicuramente Giancarlo Caselli, a capo della Procura di Palermo dal 1993 al 1999. Fu in quegli anni che Caselli imbastì uno dei processi politici più discussi degli ultimi anni: quello nei confronti di Andreotti, appunto, accusato dai pm di Caselli di contiguità con Cosa Nostra. Un processo alla Prima repubblica, più che al politico Andreotti, vista l'influenza decennale che il Divo ha avuto sulla vita politica italiana. 

Rapporti con Cosa Nostra - E oggi, con Andreotti appena scomparso, Caselli ripercorre quel processo che - come ha confidato in un'intervista Sandra Carraro, amica di Andreotti - è stato forse l'unico evento a riuscire nell'impresa di scalfire quel manto di imperturbabilità che lo accompagnò per tutta la vita. Spiega Caselli: "Sul piano politico non posso dire niente perchè non mi spetta, sul piano processuale vorrei ricordare che c'è stata un’assoluzione in primo grado ma parzialmente ribaltata dalla sentenza d’appello: fino al 1980 la Corte ha ritenuto l’imputato responsabile di rapporti con Cosa Nostra e dopo il 1980 ne ha confermato l’assoluzione contro la decisione dell’appello". 

Colpevole e prescritto - Caselli se la prende poi con chi, tra i politici ma anche tra i giornalisti, definiscono l'esito di quel processo con la parola 'assoluzione': "C'è stato ricorso in Cassazione sia dell’accusa sia della difesa. In 50 anni non ho mai visto un imputato ricorrere contro la sua assoluzione. Quindi - ha detto ancora - dovrebbe essere chiaro a tutti che fino al 1980 non c'è un’assoluzione ma un’affermazione di colpevolezza per un reato tuttavia prescritto". E comunque, ha ribadito, "la sentenza di appello è stata confermata in Cassazione. Questa - ha concluso - e solo questa è la verita processuale".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • aresfin

    aresfin

    07 Maggio 2013 - 16:04

    Altro magistrato che quando parla di mafia, dovrebbe farlo davanti ad uno specchio, cioè guardarsi un pò più dentro di sè. Chissà cosa nasconde sotto al ciuffo!

    Report

    Rispondi

  • perfido

    07 Maggio 2013 - 14:02

    Se Caselli, intende la mafia come una setta della giustizia, allora sono d'accordo. Quelli che i magistrati additano come mafiosi, altro non sono che delinquenti, delinquenti abituali e delinquenti professionali. Ricordo quando Leggio, durante l'udienza di un processo, rispondendo al Presidente di Corte che, gli chiedeva il significato della parola mafia, rispose: "mafia, mafia signor Presidente, se non ricordo male, è la pubblicità di una scatola di cioccolatini", signor Presidente". Caselli, ti è restato l'asciutto in bocca.

    Report

    Rispondi

  • ectosilver

    07 Maggio 2013 - 12:12

    Contiguo all'Unione Sovietica ma mai fucilato....

    Report

    Rispondi

  • gioch

    07 Maggio 2013 - 11:11

    ...sta bene che abbia sprecato più di cento miliardi(in lire) di denaro pubblico?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog