Cerca

Legge anti-Casta

Renzi: "Così abolirò il finanziamento pubblico"

L'idea: abolizione progressiva dei rimborsi elettorali in tre anni. Sicuro il consenso del Pdl, probabile quello del M5S. Chi è contrario? Gli ex Ds

Matteo Renzi

Matteo Renzi

di Sebastiano Solano

Mentre il Pd è impegnato in un'interminabile resa dei conti interna, Matteo Renzi fa politica. Dopo essersi chiamato fuori dalla corsa per la segreteria - su precisa garanzia che le cariche di segretario del partito e candidato premier verranno rese autonome - il Sindaco di Firenze riparte dal suo cavallo di battaglia: l'abolizione del finanziamento pubblico ai partiti. Proprio mentre la questione della segreteria e i giochi di potere per impedire l'elezione di Nitto Palma sembrano essere in cima alle preoccupazioni dei vertici del Pd, alcuni deputati renziani hanno infatti depositato una proposta di legge in tal senso. 

La Proposta di legge - La proposta presenatata da Dario Nardella, e sottoscritta da Ivan scalfarotto e altri deputati del Pd, mira all'eliminazione progressiva dei rimborsi elettorali nonché ad incentivare il finanziamento privato. Spiega Nardella: "Vogliamo sostituire i rimborsi con un sistema di contribuzione diretta ai partiti e ai movimenti politici prevedendo un credito d’imposta con il quale il cittadino, persona fisica, può avere un’agevolazione di natura fiscale del 40 per cento. Abbiamo poi previsto che il contributo non superi i 10mila euro". Una proposta che, come dicevamo, se approvata entrerà in vigore, a regime, nel giro di tre anni. 

Pdl e M5s d'accordo - Una proposta che non potrà che trovare la condivisione totale del Pdl, che ha messo il tema dell'abolizione del finanziamento pubblico tra le priorità di programma nella scorsa campagna elettorale. Probabile la condivisione anche del M5s, la cui opposizione a qualsiasi tipo di finanziamento alla politica è nota. D'altra parte, però, questa è una proposta spinosa per il Pd. La sinistra ex-ds è infatti contraria all'abolizione totale dei rimborsi: così fa politica solo chi ha i soldi, è il loro ragionamento. Già durante la corsa per le primarie, infatti, Pierluigi Bersani e Renzi si sono scambiati accuse sul tema. Parole di fuoco che hanno portato prima Bersani ad attaccare il Sindaco rottamatore sulla cena di raccolta fondi organizzata dal finanziere Davide Serra e gli uomini Renzi a diffondere un dossier sugli spreschi del Pd

La vendetta contro l'apparato del Pd - E in effetti, a prescindere dale nobili motivazioni dei renziani, la mossa di presentare ora una legge del genere è un colpo basso inferto da Renzi a tutto quell'apparato che ha appoggiato Bersani, e denigrato Renzi, durante le Primarie. Lo fa capire, tra le righe, il renziano Federico Gelli: "Il vero tema è quanto costa la politica oggi e rispetto a quanto dovrebbe costare la politica 200 funzionari per il Pd sono una sproporzione. Si dovrà discutere nelle sedi congressuali su quanto deve costare un partito. Noi, alle primarie, abbiamo dimostrato che si può fare politica con costi contenuti. Duecento funzionari del Pd nella sede centrale sono sproporzionati rispetto a una politica che richiede risparmi", ha chiarito Gelli.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • kk300

    10 Maggio 2013 - 11:11

    I partiti (Legge 80/05) Oltre ai contributi per ricoprire le spese elettorali, l’articolo 2 prevede un ulteriore contributo, agganciato alle donazioni che i partiti ricevono: un “premio” di 0,50 centesimi per ogni euro ricevuto. Ecco il passaggio: «ai partiti e ai movimenti politici aventi diritto ai sensi del comma 2 del presente articolo un contributo annuo volto a finanziare l’attività politica, pari a 0,50 euro per ogni euro che essi abbiano ricevuto a titolo di quote associative e di erogazioni liberali annuali da parte di persone fisiche o enti». Per calcolare questo contributo extra sono prese in considerazione le quote associative e le erogazioni liberali percepite, con un tetto massimo di 10mila euro annui per ogni persona fisica o ente erogante.

    Report

    Rispondi

  • 19gig50

    08 Maggio 2013 - 20:08

    Questo è il momento di farti vivo. Prendi in mano la situazione prima che le mummie trovino altri stratagemmi per fermarti.

    Report

    Rispondi

  • encol

    08 Maggio 2013 - 19:07

    Almeno lui crede d'esserlo. Mr. Renzi la sua è semplicemente una vergognosa furbata che la dice lunga sulle sue supposte capacità. Lei forse non ha capito oppure non sa che abbiamo votato un referendum che abroga tutti i finanziamenti pubblici ai partiti. Se lo guardi oppure eviti di fare il furbo fa solo la figura del cretino.

    Report

    Rispondi

  • alejob

    08 Maggio 2013 - 18:06

    Non sei simpatico, perchè ti presenti in un modo diciamo, (Volgare). Hai pienamente ragione, che il finanziamento ai partiti deve sparire, chi vuole fare politica, va in Banca, chiede un prestito, si autofinanzia trovando anche degli sponsor ed unizia la sua carriera. In Amarica, in Germania, Svizzera ecc. anche gli studenti che vogliono andare all'Università si autofinanziano e se il finanziamento, viene dato dai genitori, con il primo loro impiego iniziano la restituzione. Troppo comodo in Italia, viaggiare sulla strada dei privilegiati, alle spalle degli altri. Ma sei sicuro, di portare in porto, la tua idea ???????????????.

    Report

    Rispondi

blog