Cerca

Il retroscena

Ecco perché Berlusconi
non farà cadere Letta
nonostante la condanna

Primo: "Per il bene del Paese". Secondo motivo: agli elettori piace l'appoggio al governo. Ci sono poi le ragioni economiche: Mediaset vola in Borsa...

Silvio Berlusconi

Silvio Berlusconi

 

Sempre più statista, Silvio Berlusconi, e sempre meno "strappista". La rabbia per la condanna Mediaset è tanta, con i suoi non l'ha nascosta e nemmeno ha chiesto a loro di nascondela. Sono infatti piovuti gli attacchi degli azzurri alle toghe di Milano, che hanno firmato quella che ritengono una pronuncia a senso unico. Ma negli attacchi, e non è un caso, il governo Letta non ci è mai finito. Certo, il Cav ora non è disposto a concessioni su Imu, Iva e ius soli. Men che meno è pronto a tollerare "balletti" come quello del Pd su Nitto Palma in Commissione giustizia. Ma il sostegno all'esecutivo di larghe intese, per ora, è fuori discussione.

Il bene del Paese - Ci sono motivi ben precisi per i quali Berlusconi tiene alla sorte di questa legislatura. Il primo lo ripete come un mantra ai suoi: "Per il bene del Paese". Sa benissimo infatti che nonostante i sondaggi gli diano un buon vantaggio, il ritorno alle urne potrebbe tradursi in un nuovo stallo parlamentare, senza parlare poi delle possibili reazioni nervose dei mercati. In un'ottica a lungo termine, inoltre, il sostegno al governo Letta si potrebbe tradurre in un ancora maggior consenso: i sondaggi apprezzano l'ingresso in questa maggioranza del Pdl, all'elettorato azzurro la mossa piace. E Berlusconi lo sa.

Il soldo - C'è poi una ragione economica per la quale Silvio si tiene ben stretto questo esecutivo. Le cifre le ha snocciolate il supplemento Finanza & Mercati del Sole 24 Ore, in cui viene spiegato che da quando il Cav persegue le larghe intese, Mediaset in Borsa si è apprezzata del 50 per cento. Ora la capitalizzazione del Biscione supera la somma dei debiti, stimati in 1,7 miliardi. Il balzo è tutt'altro che casuale: Berlusconi con un ruolo di rilievo in politica è un proprietario decisamente più "forte". Una forza che ha benefici anche sui titoli a Piazza Affari.

I calcoli - L'ex premier, per inciso, tra la maxi-penale che dovrà saldare a Carlo De Benedetti - quasi 500 milioni di euro - e i 100mila euro al giorno che deve dare all'ex moglie Veronica Lario, ha una lunga serie di voci sulla lista "spese". Ci sono poi le parcelle degli avvocati impegnati a difenderlo dal perpetuo assalto giudiziario. Una serie di - buoni - motivi economici, oltre che politici, per tenere la barra dritta e far continuare a navigare il governo Letta. Certo, non ad ogni prezzo.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • esattore

    10 Maggio 2013 - 08:08

    Noto, senza alcuna sorpresa in verità, che il vizio di voi sinistri di definire quelli degli altri partiti ladri ed i vostri persone che sbagliano non vi è ancora passato. Quanto a farsi prendere per il culo da Berlusconi con i discorsi sui Komunisti( rigorosamente con la K come hai scritto tu a dimostrazione che i comunisti esistono ancora con tutte le loro puttanate verbali e non), ti invito ad informarti meglio sui ladrocini ( non errori) fatti dai tuoi compagni di partito e se non ti bastasse sui 250 milioni di debiti non pagati quando eravate DS( questo oltre al finanziamento pubblico) ed avete conferito i beni del partito a delle fondazioni per renderli insequestrabili con le banche alle costole a chiedere le revocatorie. Caro il mio compagno per dare patenti di onestà agli altri bisogna poterselo permettere e non è certo il caso dei compagni che rubano ( e non che sbagliano). Sull'accusa di essere dei rincoglioniti visto il nome che ti sei scelto: il TROTA, ti commenti da solo.

    Report

    Rispondi

  • iltrota

    09 Maggio 2013 - 17:05

    Ooops, ho offeso una signora e non un maschiaccio.... Quasi quasi mi scuso.... Vediamo le accuse a mio carico: 1) Penati, MPS, Lusi, Coop => che se ne vadano TUTTI IN GALERA, non li ho mai difesi. Hanno sbagliato? Che paghino!! 2) I miei padroni? E chi sarebbero, di grazia?! Io ho votato PD, non sostengo che loro abbiano ragione quando sbagliano...e come se sbagliano !!! Tu invece, e tutti i bananas, siete RINCOGLIONITI da Silvio, che per ventanni vi ha preso per kul0 con lo spettro dei komunisti. Hai una discreta età, se ben capisco: ma ciò non ti impoedisce di rinsavire e crearti un vero futuro, libero dai apponi come il tuo bel Silvio. !!!

    Report

    Rispondi

  • EhEhEh

    09 Maggio 2013 - 13:01

    Smettila di scrivere caxxate...sembri un libro stampato .....sei tu come tutti i sinistronzi ad avere portato il cervello all ammasso.....se non si e' intelligenti con il lavaggio del cervello che ti fanno dalle elementari sino all universita' non ce la fai e poi scrivi le stronzate chenscrivi tu come tutti i sinistronzi....dai in un altra vita magari con piu' applicazione ce la potrai fare........coraggio

    Report

    Rispondi

  • feltroni ve le suona ancora

    09 Maggio 2013 - 12:12

    Lasciamo perdere il "bene del Paese" a cui non credono neanche i suoi parenti. Ma se anche fosse, restano i "soldi". Non fa cadere il governo perchè sta guadagnando "soldi". E nel caso le sue aziende perdessero soldi, il "bene del Paese" dove finirebbe? Non c'è che dire proprio un grande "statista"

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog