Cerca

La rivolta degli onorevoli francescani

Per tenere i soldi i grillini denunciano:
"Il Movimento non ci fa mangiare"

In un videomessaggio in rete i deputati a Cinque Stelle raccontano la loro vita a Roma: "Dormiamo in tre in una stanza con bagno in comune, saltiamo cena e pranzo, non ce la facciamo più"

Per tenere i soldi i grillini denunciano:
"Il Movimento non ci fa mangiare"

 

di Ignazio Stagno

Casta o francescanesimo? I grillini fingono di appartenere ad un ordine sacerdotale. Casto e lontano dai fasti della politica ricca della Roma di palazzo. Piangono miseria con un video pubblicato sul canale youtube Movimento Cinque Stelle Parlamento. Il video messaggio è una collection di voci e storie degli onorevoli grillini che a "fatica", come sostengono, riescono a vivere a Roma col costo della vita che lievita ogni giorno di più. Sia chiaro i grillini non sono metalmeccanici o lavapiatti: sono onorevoli. Ma a quanto pare la busta paga dettata dal caro leader Beppe non basta. 

Dormiamo dalle suore - Il videomessaggio nato per respingere le accuse di aver ormai preso vizi della casta, per i grillini si è trasformato in una sorta di appello a Grillo e Casaleggio per avere qualche soldo in più in tasca. Il leader e il guru sono attesi oggi a Roma proprio per fare il punto della situazione che sta franando sotto i colpi di chi non vuole accontentarsi dei 6000 euro lordi previsti dal non-statuto. Così ecco che arrivano i racconti strappalacrime. Francesca Businarolo: "Dormo dalle suore. Siamo in tre in una stanza con bagno in comune, non proprio il massimo della vita, spendo 45 euro a notte", Sebastiano Barbanti "Ho dormito in un b&b vicino stazione termini, condividendo con altre due persone la stanza. L'armadio era piccolissimo. mangio solo kebap e pizza a taglio. Il tutto per 30 euro al giorno". 

 

 


Non mangiamo più
- Poi c'è chi è stanco fisicamente come Alfonso Bonafede: "Faccio il pendolare e viaggio ogni giorno. Per mangiare mi arrangio. Sto diventando un panino vivente". C'è chi sta dimagrendo come Federico D'Inca: "Ho dovuto dormire dalle suore. A volte ho pure saltato la cena perchè le sorelle chiudevano la cucina". Poi c'è chi vuole tornare da mammà come Salvatore Micilo: "Dormo da un amico, mangio in una rosticceria ogni sera. Mi manca la cucina di mamma". 

Pane e acqua, ma Grillo in Ferrari - Infine c'è chi ha paura di restare a pane ed acqua come Loredana Lupo: "Il Movimento Cinque Stelle non vuole che mangiamo. Le riunioni sono sempre durante l'ora del pranzo o della cena". Insomma i grillini sono senza forze. Hanno bisogno di mangiare e di un letto caldo. Grillo vuole che restituiscano i rimborsi previsti in busta paga dal Senato e dalla camera che fanno lievitare il bottino a 14 mila euro. Riusciranno i "poverelli" a convincere il leader che gira in Ferrari?

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Andrea bezz

    15 Maggio 2013 - 12:12

    Vengono accusati di essersi "inseriti" nella Casta. Loro spiegano che sono puri e duri e risparmiatori...e l'articolo li descrive come piagnucoloni. Caro Fabio citare un articolo dell'infame Sallusti non è da te.... ne da nessuno. Esempio lampante di come la verità dai Media viene mangiata, stravolta e digerita tutta alterata...e poi ci sconvolgiamo se uno defeca il voto a Berlusconi. Tu sei quello che mangi: spazzatura d'informazione! A casa!.. i giornali mantenuti dai potentati politici...cioè con i nostri soldi! Una cosa di buono poteva fare Napolitano: Salutare Sal da fuori le sbarre! Invece di salvarlo. Ma un graziato non è che non sia un diffamatore, soprattutto se condannato!

    Report

    Rispondi

  • raucher

    10 Maggio 2013 - 15:03

    la diaria e rimborsi spese , per altri , mi pare , 8.000 ma forse più! I rimborsi ve li volete intascare per intero , anche se non utilizzati. Infatti un residente a Roma e dintorni la diaria non la spende di certo. Vive e mangia gratis a casina della mamma .Protestate ma non ve ne andate dal m5s :se la legislatura dovesse cadere addio soldoni!

    Report

    Rispondi

  • nico62bo

    10 Maggio 2013 - 13:01

    nessuno vi obbliga a rimanere in parlamento, date le dimissioni.......sarà meglio per tutti.....paese compreso. siete stati voi a dire che i politici prendevano troppo di stipendio.....vergogna,vergogna,vergogna

    Report

    Rispondi

  • sparviero

    10 Maggio 2013 - 00:12

    Nei gulag mangiavano poco, dovevano lavorare molto e guai a chi si ribellava. Infatti morivano tutti di stenti. Ad Arcore sareste stati molto meglio!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog